Economia

Quirra: maggiori controlli al poligono, drastica riduzione degli insediamenti militari

quirra e presenza militare in sardegnaQUIRRA, PALOMBA (IDV): IL GOVERNO ITALIANO ASSUMA SALDAMENTE IL CONTROLLO DEL POLIGONO
OCCORRE UNA DRASTICA RIDUZIONE DEGLI INSEDIAMENTI MILITARI IN SARDEGNA

«L’Italia non può rinunciare alla sovranità in favore di Stati esteri ai quali non può essere consentito di svolgere qualsiasi attività senza controllo come avvenuto in Sardegna nel poligono interforze di Quirra. La catena di comando deve stare saldamente nelle mani dell’autorità italiana affinchè si possa attribuire le responsabilità degli eventuali danni ambientali». Lo ha detto questa mattina il deputato dell’Italia dei Valori Federico Palomba intervenendo a Bruxelles alla conferenza sui danni da attività militari non belliche organizzata dagli europarlamentari Giommaria Uggias e Jelko Kacin e il sostegno dell’Alleanza dei Liberaldemocratici europei cui aderisce Italia dei Valori. «Quando l’attività militare cessa i danni ambientali restano a lungo e sono spesso irreversibili», ha detto Palomba, ricordando di avere presentato una dettagliata interpellanza urgente al Governo perché le popolazioni abbiano una risposta chiara si quanto sta avvenendo sul loro territorio. «Le popolazioni devono essere coinvolte in tutte le decisioni perché ne sopportano le conseguenze – ha detto il parlamentare dell’Idv -.


L’attività della magistratura è essenziale per l’accertamento della verità in quanto autorità indipendente. Ad essa bisogna aggiungere quella del livello europeo». Palomba ha inoltre chiesto una drastica riduzione degli insediamenti militari in Sardegna nell’ottica di un modello europeo di difesa. «La pressione militare in Sardegna deve essere drasticamente ridimensionata – ha detto – bisogna ridisegnare i teatri operativi, militari e non, e riequilibrare i pesi. La riconversione delle attività militari in attività tecnologiche, anche con applicazioni militari, deve supporre l’immediata cessazione delle esplosioni e delle esercitazioni, in modo da rassicurare le popolazioni, far proseguire le attività delle campagne in sicurezza e garantire l’occupazione, senza ricatti. Su ciò l’attività politica dell’Italia dei Valori ad ogni livello, dall’Europa alla Sardegna, continuerà senza interruzione, perché nessuno può scherzare con la salute e la serenità sui quali nessun altro interesse può prevalere».


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close