Italia

Cenerente Sergio Scoscia e Maria Raffaelli torturati e uccisi

L’omicidio di Cenerente va capito e studiato sin nei minimi particolari, e questo sta facendo la squadra mobile che oltre ai  i rilievi tecnici ha  iniziato una serie di perquisizioni per capire se  la mira dei ladri fosse la rapina.

Come accade in questi casi la scena del delitto a chi la esamina con gli occhi dell’esperto a poco a poco apre i suoi segreti. Così alle due ipotesi principali si affianca la convinzione che l’operato sia di mano di balordi. Ladri rapitori che hanno pianificato ogni mossa: rubto la scala necessaria a salire sul sottotetto, la lana di vetro per attutire i loro passi sulla lamiera e l’arma, un martello, con la quale hanno infierito su Sergio Scoscia e Maria Raffaelli .

Certamente speravano di ottenere l’accesso alla cassaforte o al seminterrato dove c’era il laboratorio orafo. Tutti potevano immaginare che all’interno dell’abitazione ci fosse danaro e oro.

Dalla ricerca affannosa dell'”oro” tutto il casolare è stato messo a soqquadro. La donna è stata legata e forse strozzata da un fazzoletto stretto attorno al collo. Sergio è stato torturato e finito con un colpo di martello mortale nella zona dell’orecchio.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close