Italia

La mamma violentata nel parco Identikit e indagini

violenza sulle donneE’ stata ascoltata dagli inquirenti la sa mama di 42 anni che giovedì è stata aggredita da uno stupratore  nel parco di Villa Litta, mentre faceva ritorno a casa, dopo aver condotto i figli a scuola. Dalle sua ricostruzione pare si dovrebbe  trattare di un uomo dai capelli biondi, corti e che parla  italiano e che indossava guanti di lattice. In mano stringeva qualcosa.


 La donna ha raccontato di essere stata avvicinata alle spalle da un uomo, che l’ha prima afferrata e poi scaraventata per terra. Poi, secondo quanto riferito dalle 42enne agli investigatori, sarebbe stata vittima di abusi sessuali. Non si sa con esattezza di che tipo, visto che gli agenti della Squadra mobile mantengono il massimo riserbo sull’accaduto. Si sa soltanto che dopo alcuni minuti di terrore, la donna è riuscita a chiamare la polizia col proprio cellulare, restando in attesa di soccorsi in stato di choc. Il resto è avvolto dal mistero. Non è ancora chiaro se la donna sia stata palpeggiata o stuprata, e solo gli esiti delle analisi condotte alla clinica Mangiagalli potranno chiarire i dubbi.

In queste ore gli investigatori stanno passando al vaglio le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza del parco. Tre occhi puntati su altrettanti varchi d’ingresso, che si spera possano aver filmato la scena e il volto dell’aggressore. Per ora non si conoscono le sue fattezze, ma si cercano testimoni in grado di fornire una descrizione utile alle indagini. Gli agenti sono fiduciosi di riuscire a trovare qualcuno che a quell’ora era in giro per il parco. Magari qualcuno che faceva jogging, o un’altra madre di ritorno dalla scuola. Non si esclude, comunque, che gli uomini della Squadra mobile diretti da Alessandro Giuliano, stiano già battendo una pista, e forse la riservatezza avuta durante tutto il giorno ha il solo fine di non allertare il responsabile.


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close