Salute

Pasqua: due kili in due giorni. Urge una dieta collettiva

Come avete mangiato a Pasqua? Secondo la Coldiretti la pioggia e la crisi economica hanno  le vacanze, costretto gli italiani al chiuso e allungato i tempi trascorsi a tavola facendo lievitare cosi quest’anno il conto delle chilocalorie assunte. Si pensa che in soli due giorni di festa ogni italiano sia ingrassato di circa 2 kili. Un effetto deleterio.

I chili in eccesso vanno smaltiti non solo perchè è alle porte l’estate ed è necessario essere belli ma sopratutto per stare bene in salute e con sè stessi.


Ecco come in due giorni si sono presi due chili, la Coldiretti dichiara che ”A far salire il conto delle caloriesi e’ iniziato la mattina con la colazione dove il tradizionale uovo sodo contiene circa 60 chilocalorie mentre cento grammi di salame corallina ne aggiungono altre 400. Per non parlare del casatiello napoletano che conta circa 400 chilocalorie ogni 100 grammi mentre per una fettina (100 grammi) di pizza ripiena con verdure sono circa 300 chilocalorie. A pranzoun piatto di lasagne al ragu’ ne fornisce 600, le costolette di agnello 300, una fetta di colomba 400 chilocalorie che salgono a 600 se si preferisce la pastiera ai quali vanno aggiunti almeno cento grammi di cioccolato al latte dalla rottura dell’uovo che ne contengono 550 da accompagnare con un bicchiere di spumante con altre 200 chilocalorie”.


”La fine delle feste, il rientro e la ripresa della vita ‘normale’ e’ per molti l’occasione per chiudere con i ‘bagordi’ alimentari e mettersi in regola anche con l’aiuto dei prodotti di stagione che nei banchi delle botteghe e nei mercati degli agricoltori di campagna amica si trova in grande quantita’ e varieta’. Dalle fave ai piselli, dai carciofi a tutte le insalate a pieno campo, dalle lattughe alle scarole fino alle indivie, ma anche cavolfiori, broccoli, asparagi, finocchi e sopratutto le gettonatissime fragole”.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close