Italia

Torre Annunziata: non apprezza vivere con la madre. Carmine Iervolino torna in cercare

Napoli, a Torre Annunziata un uomo preferisce il carcere che la madre. Un pregiudicato,, Carmine Iervolino, 43 anni, dopo avere chiesto insistentemente ai poliziotti  del commissaria di Torre Annunziata di poter cambiare domicilio è tornato in carcere.


Iervolino, csorvegliato speciale di polizia  denunciato per rapina, estorsione, ricettazione e spaccio di droga,  ieri si è recato al commissariato di Torre Annunziata per dire ai poliziotti che non riusciva a vivere con la madre e chiedeva il cambio della residenza, ma ovviamente la procedura non è semplice e così Iervolino ha prima minacciato i poliziotti poi è passato ai fatti..

Poco prima delle 21 Iervolino ha lanciato una bottiglia molotov contro il portone dello stabile occupato dal commissariato di polizia, provocando un principio di incendio spento con l’ intervento dei vigili del fuoco. Le immagini delle telecamere del Comune hanno consentito ai poliziotti di riconoscerlo e di bloccarlo poco dopo al Corso Umberto.


Iervolino è stato arrestato per incendio doloso, danneggiamento aggravato e possesso di materiale infiammabile. Dovrà anche rispondere di violazione dell’obbligo di sorveglianza speciale e di minacce rivolte agli agenti che lo hanno arrestato

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close