Italia

Commissariato di Villa Opicina: lo strano caso di Alina e dell’ufficio epurazioni. Se fosse ideologia?

Commissariato di Villa Opicina: lo strano caso di Alina e l'inchiesta aperta. Se fosse un fattore ideologico? Trieste, al Commissariato di Villa Opicina è morta una ragazza, forse un suicidio dicono.
Trieste, al Commissariato di Villa Opicina, c’è l’ufficio epurazione…

Ora invece si scopre che per la morte di Alina ci potrebbero esserci altri indagati.  Alina Bonar Diachuk, di 32 anni, cittadina ucraina, muore al Commissariato  il 16 aprile scorso togliendosi la vita in una stanza nel Commissariato di Villa Opicina, una frazione di Trieste.

Per la morte di Alina, n indagato c’e’ gia’, ed e’ Carlo Baffi, responsabile dell’Ufficio immigrazione, ma le indagini proseguono e potrebbero allargarsi. Baffi per altro ha alcune indagini aperte.

 Il capo della Procura di Trieste, Michele Dalla Costa, parlando della vicenda con l’ADNKRONOS afferma che ”Ci sono altre persone sulle quali si e’ appuntata l’attenzione della Procura”. In altre parole, tutto fa pensare che non possa essere imputata solo a Baffi la responsabilita’ di quanto avvenuto.

 Alina si e’ tolta la vita usando il cordino della felpa, quando era trattenuta, pare senza nessun titolo, nel Commissariato. E nella quarantina di minuti di tempo della sua agonia, possibile che nessuno si sia accorto di nulla?Eppure ci dovrebbe essere una videocamera di sicurezza, forse.  Alina era stata scarcerata alcuni giorni prima dal locale carcere, ma era stata trattenuta nei locali di Villa Opicina, ufficialmente, secondo la versione della Polizia, perche’ in attesa degli adempimenti amministrativi finalizzati alla sua espulsione.

Ma per la Procura, dal giorno della scarcerazione, un sabato, la donna non poteva essere trattenuta, chiusa a chiave in una stanza del commissariato.

L’ipotesi di reato per la quale e’ indagato Baffi e’ sequestro di persona e omicidio colposo. Le indagini condotte dal pm Massimo De Bortoli devono verificare se in effetti la Diachuk fosse trattenuta in Commissariato senza alcun titolo, se fosse chiusa a chiave dentro una stanza e se si sia trattato di un caso isolato, o, ”come pare”, conferma il procuratore capo, ci siano stati altri casi di stranieri trattenuti a Opicina senza alcun titolo. ”Stiamo valutando decine di posizioni, a partire dal secondo semestre del 2011, per verificare se quello dell’ucraina sia stato un caso isolato o meno”, conferma Dalla Costa.


Il procuratore capo della Procura di Trieste Michele Dalla Costa ha detto di voler andare fino in fondo, anche sulla questione degli stranieri detenuti illegalmente – senza un provvedimento amministrativo o penale – nelle stanze del commissariato. A quanto pare “sarebbero decine i casi riscontrati nello scorso mese di aprile”, ha detto al quotidiano Il Piccolo di Trieste Dalla Costa.

In Procura, al momento non intendono dare grande rilievo all’altro aspetto emerso durante le indagini, e cioe’ all’acquisizione di materiale di natura antisemita e di cartucce trovate in casa di Baffi durante una perquisizione. Materiale, quello documentale, giustificato da un sindacato di Polizia dal fatto che Baffi abbia lavorato anche alla Digos. ”I rapporti con la Questura di Trieste – afferma Dalla Costa – sono sempre ottimi e collaborativi, tanto che il questore mi ha assegnato suo personale proprio per sviluppare questa indagine. Non c’e’ alcun ostruzionismo da parte della Questura”, ribadisce il capo della Procura.

Intanto quel che spaventa ai tanti è che nell’ufficio del dirigente d’era un altare al duce. Insomma gusti particolari quelli che la stampa locale enumera nei confronti del Baffi.

A far emergere una relazione tra la vicenda della morte di Alina e le indagini aperte su Baffi sono stati i mediattivisti triestini. I particolari emersi sono più o meno quelli che si sono già analizzati:

  • Alina non doveva essere in commissariato, non quel giorno
  • Alina aveva patteggiato l’accusa di favoreggiamento  dell’immigrazione clandestina, era stata scarcerata il 14 aprile
  • Perchè il 16 aprile Alina era lì?
Baffi sembra essere indagato persino  per omicidio colposo e sequestro di persona, intanto quel che è dato sapere è che Baffi aveva procedure e pratiche alquanto particolari infatti  sono stati rinvenuti altri  fascicoli riguardanti immigrati che erano stati detenuti nel tempo dentro al commissariato senza alcuna copertura giudiziaria. Ma un cartello con su scritto “ufficio epurazione” – invece di ufficio immigrazione – con sopra la foto di Mussolini.
Intanto su legge su Il Manifesto che l’Associazione nazionale funzionari di polizia ha espresso “solidarietà” a Baffi. E ha invitato la stampa a non associarlo all’estrema destra, visto che a casa sua è stato trovato anche materiale di “estrema sinistra”. Probabilmente l’Associazione si riferisce al fatto che tra vari testi antisemiti (come i “classici” “Mein Kampf” e “La Difesa della razza”) è stato trovato anche il libro di Karl Marx “La questione ebraica”. Insomma, materiale di estrema sinistra…
La vicenda si inserisce in un clima più generale, che ha già messo in allarme la comunità ebraica della città. Come il fatto che solo pochi giorni fa Paolo Polidori, consigliere regionale della Lega, durante il congresso del Carroccio aveva pronunciato un intervento smaccatamente antisemita: “La crisi è determinata dal potere finanziario mondiale, che è in mano a un sistema giudaico-massone”. Così ha dichiarato Costa.


“Sono allibito e furibondo allo stesso tempo – commenta Roberto Antonaz, consigliere regionale di Rifondazione – perché i diritti delle persone vengono violati dagli alti dirigenti: Biffi è vicequestore. Il numero due della questura. Serve un’inchiesta che porti al totale rinnovamento della questura triestina. Perché dubito che l’orientamento del vicequestore non fosse noto a chi lavorava con lui”. Il gruppo di Rifondazione ha presentato un’interrogazione in regione sulla vicenda.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Privacy Policy Cookie Policy