Magia e Misteri

Il castello di Bardi e il fantasma di Moroello

Un antico castello, quello dei Bardi, arroccato su uno sperone di roccia dal quale poter sorvegliare l’intera vallata, all’interno del quale la tradizione vuole che ci siano strane presenze paranormali.


La fortezza di Bardi è una costruzione magnifica, voluta dai Landi, per fare fronte alle continue invasioni. E’ eretto nel IX secolo ma nel tempo viene più volte rimaneggiato ed ampliato. La fortezza nel corso della storia cambia destinazione d’uso e diventa sul finire del 1800 un carcere, poi diventa la sede del Comune ed infine il museo della civiltà Valligiana.

Il castello è noto per essere un luogo infestato dai fantasmi ed in particolare da quello di Moroello, un capitano delle guardie dei Landi.

Moroello si innamora, ricambiato, di Soleste ma poco dopo il capitano delle guardie è mandato a combattere i nemici. L’innamorata lo aspetta e ogni giorno sale sulla torre più alta per osservare se il suo amato è di ritorno. Sfortunatamente, un giorno dai bastioni della fortezza nota dei cavaliere bardati con le insegne nemiche. Soleste, credendo il suo amato Moroello morto, decide di buttarsi nel vuoto; appresa la triste notizia anche Moroello si ammazza gettandosi dalla stessa torre dalla quale si suicidò Soleste.

Da quel giorno lo sfortunato cavaliere vaga per le stanze e i camminamenti della fortezza, facendosi percepire con gelide folate e musiche tristi. L’antico baluardo dal 1400 custodisce al suo interno la sfortunata storia d’amore di Soleste e Moroello e di tutti i condannati che vi sono stati rinchiusi nel corso degli anni.

Il fantasma di Moroello è stato anche fotografato da alcuni esperti di parapsicologia e le sue immagini sono visibili all’interno del castello. Il fantasma del cavaliere di Bardi è il primo caso di una foto scattata ad un fantasma termico.

La fortezza dei Landi attrae visitatori da ogni dove sia per le caratteristiche della sua architettura ma anche per constatare di persona la presenza del fantasma di Moroello.


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close