ItaliaSport

Martin Colussi muore in un incidente stradale, lutto nel mondo del basket

Martin ColussiAncora un morto nel mondo delo sport è Martin Colussi, 31 anni. Marco Colussi  è stato trovato morto questa mattina nella sua auto intorno alle 6 lungo la statale 13 Pontebbana, nel comune di Orcenico (Pordenone). Marco che viaggiava su una Volkswagen Golf nera, è finito di muso in un canale, la vettura si è capottata ed è finita nel fiume.

Non è noto l’orario della morte.  Martin Colussi aveva giocato in  A nella stagione 2010-2011 con la maglia della Juve Caserta.  Il sito ufficiale della Basket Veroli ha listato a lutto la home page e pubblicato una nota per ricordare il suo giocatore: “Il Presidente Leonardo Zeppieri, il CDA, la squadra, lo staff, tutti i tifosi si stringono accanto alla famiglia di Martin Colussi con un forte abbraccio. Zeppieri: “Una notizia drammatica. Avevamo parlato con Colussi, insieme a Bartocci, mercoledì scorso per manifestargli la fiducia e la stima che avevamo in lui. Volevamo dimostrare quello che poteva essere il vero Martin Colussi, con l’idea di ricostruire una squadra con lui nel ruolo di guardia. Ci eravamo lasciati con un appuntamento per metà giugno. Ora il pensiero e l’abbraccio va alla famiglia, alla fidanzata, agli amici ed a tutti quelli che lo conoscevano”. Affranto anche il general manager, Ferencz Bartocci: “Mi ero sentito con Martin venerdì sera per firmare il prolungamento della clausola di uscita. L’idea era di proseguire con lui anche il prossimo anno e personalmente eravamo rimasti che ci saremmo visti lunedì o martedì sera in occasione delle Finali Nazionali di Udine per concordare insieme i termini del contratto per la prossima stagione. Con Martin ho avuto la possibilità di instaurare un rapporto schietto, in un anno di difficoltà. In questo momento l’unico pensiero va ad un ragazzo che aveva voglia di mordere il mondo. Lo ricordo così nell’ultima chiacchierata con lui. Mi aveva detto: “Non posso pensare di andare via da Veroli senza lasciare un bel ricordo”.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close