EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Melania Rea: La prova del bacio dimostra nuove tesi.

Ancora novità sulla prova del bacio. Interessante intervista alla dottoressa Marina Baldi è quella riportata dal cronista del Resto del Carlino. La Baldi ha spiegato come è avvenuto l’esperimento del bacio, ovvero con “otto persone che si sono baciate con varie ‘durate’: da 5 a 30 secondi. Poi è stato prelevato il dna per verificare la durata delle tracce. Non solo: con due persone Marina Baldi ha anche fatto la prova simulando non il bacio ma un’aggressione con la mano davanti alla bocca.”

Insomma non solo baci ma anche aggressioni. Una cosa è certa, il dna non è passato dalla mano alla bocca infatti la Baldi ha sottolineato che “La simulazione con le mani davanti alla bocca non ha prodotto alcun risultato. Abbiamo strofinato la mano con decisione ma credo che in un caso di aggressione ci sia una violenza molto più forte e per questo la traccia non è rimasta”.

I baci sembra possano essere più probabili e secondo quello che riporta il Resto del Carlino la per la Baldi la prova dovrebbe essere quasi scientifica sebbene puramente sperimentale avrebbe determinato che ” Il tempo di permanenza del dna estraneo nel cavo orale di un individuo è inferiore a 5 minuti”.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com