Italia

Morvillo Falcone: nessun indagato. Una delle 5 ragazze sta molto male

La strage del Morvillo Falcone, pare non abbia nessun indagato. Le notizie precedenti forse sono costruzioni giornalistiche. Intanto è cominciato in prefettura a Brindisi il vertice del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza, per fare il punto sull’attentato in cui sabato mattina una studentessa di 16 anni ha perso la vita e altre cinque ragazze sono rimaste ferite, e per il quale al momento non ci sono indagati.

Al vertice partecipano i ministri dell’Interno Annamaria Cancellieri e della Giustizia Paola Severino, il procuratore capo di Brindisi Marco Dinapoli, il sostituto Milto de Nozza, il capo della Procura distrettuale antimafia di Lecce Cataldo Motta, il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, il comandante generale dei Carabinieri Leonardo Gallitelli e il capo della polizia Antonio Manganelli.

Fonti investigative stamani riferiscono che al momento non risulta alcuna iscrizione nel registro degli indagati, e che nessun sospetto è stato fermato nonostante le voci circolate sui media.

Ieri il procuratore Dinapoli ha detto che l’attentato potrebbe essere un gesto isolato e individuale, e che sembra improbabile la pista mafiosa.Intanto gli interrogatori susseguono.

Nel pomeriggio si svolgeranno a Mesagne i funerali di Melissa Bassi, la ragazza morta nell’esplosione. Parteciperà anche il presidente del Consiglio Mario Monti, che ha lasciato gli Stati Uniti – dove partecipava al vertice Nato – prima del previsto a causa dell’attentato di Brindisi e del terremoto in Emilia Romagna.

Delle cinque ragazze rimaste ferite davanti all’istituto Morvillo Falcone, una è in condizioni molto gravi.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close