Italia

Scimmie di Harlan: AIDAA presenta denuncia alla procura di Monza

Monza (26 maggio 2012) – Il presidente della Harlan disse all’onorevole Michela Brambilla che non avrebbe mandato a destinazione le scimmie arrivate lo scorso febbraio alla Harlan. Ha mantenuto quella promessa? Che fine hanno fatto quelle scimmie? Gli sono state davvero tagliate le corde vocali?


Interrogativi questi contenuti nella nuova denuncia presentata ieri alla procura della repubblica di Monza a firma del presidente nazionale AIDAA Lorenzo Croce con la quale si chiede alla magistratura di far luce sia sulla sorte delle scimmie, sia su tutta la vicenda che ha portato il mondo animalista a diverse proteste ma che ad oggi a parte le dichiarazioni dei primi giorni dove sembrava che le scimmie sarebbero state liberate in pochi giorni non ha trovato invece  delle risposte concrete.

AIDAA con questa denuncia intende tenere alta l’attenzione su una vicenda che per certi versi fa il paio con quella dell’allevamento Green Hill di Montichiari dove si allevano cani di razza beagle per la vivisezione, sia in generale sulla questione della lotta alla vivisezione. “Hanno riempito pagine di giornali e schermi televisivi annunciando la salvezza delle scimmie ma ad oggi nessuno sa nulla- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- che fine hanno fatto quelle scimmie? Ne sono arrivate altre ad Harlan, le promesse fatte dal presidente della Harlan, ma mai confermate sono state mantenute? Chiediamo alla magistratura di fare chiarezza sulla vicenda che ad oggi ha i contorni tutt’altro che definiti. Ci hanno raccontato tante cose- conclude Croce- ma ad oggi nessuna ne abbiamo vista avverata, allora cerchiamo di capire cosa è successo davvero ma sopratutto che fine hanno fatto quelle scimmie per la libertà delle quali migliaia di animalisti si sono battuti e si stanno ancora battendo”.

per info 3478883546-3926552051

ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE -AIDAA

Iscritti dal 2011 all’elenco dei portatori di interessi diffusi dell’Unione Europea

AIDAA nel web:http://aidaa-animaliambiente.blogspot.it/

Mail: presidenza.aidaa@libero.it – direttivo.aidaa@libero.it – press.aidaa@libero.it

Telefoni 3926552051-3478883546-0222228518

sede legale : via Roma 62 – 20010 Pregnana Milanese (MI)

ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI MONZA

PIAZZA GARIBALDI 10

20052 MONZA

FAX 039384754

procura.monza@giustizia.it

cinzia.tagliamonte@giustizia.it

OGGETTO: ESPOSTO DENUNCIA SCIMMIE HARLAN DI CORREZZANA

Io sottoscritto Lorenzo Croce nato a Rho il 23 aprile 1964 residente a Pregnana Milanese in qualità di Presidente nazionale dell’ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA con sede nazionale in via Roma 62 20010 Pregnana Milanese (Milano) mi rivolgo alla procura della repubblica di Monza nella persona del Procuratore Capo per esporre quanto segue:

1- In data 27 2012  febbraio sono arrivate presso lo stabilimento di Harlan 104 scimmie destinate ad un periodo di quarantena per essere poi destinate a laboratori di sperimentazione animale.

2- In data 1 marzo 2012 secondo notizie di stampa l’onorevole Michela Brambilla gia ministro del turismo della Repubblica Italiana dichiarava di aver parlato con il presidente della multinazionale Harlan riportando al corriere della sera online la seguente dichiarazione : «Venerdì ci vedremo di persona a Correzzana, ma mi ha già garantito che qui non arriveranno più scimmie da destinare ai laboratori né quelle che si trovano qui verranno inviate a chi ne aveva fatto richiesta. Gli animali sono salvi, insomma, ma questo è solo un primo risultato». cifrato: “http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/12_marzo_1/scimmie-harlan-correzzana-monza-resa-animalisti-brambilla-vivisezione-2003504102909.shtml”

Premesso che ad oggi non si hanno notizie di dove siano finite le scimmie dopo il termine della quarantena previsto per il 30 aprile scorso.

Premesso che ad oggi non si ha notizia della fondatezza o meno  del mantenimento delle promesse rilasciate dal dottor David Broken presidente della multinazionale Harlan all’onorevole Michela Brambilla, ne lo scrivente è a conoscenza di eventuali conferme nei fatti di tali dichiarazioni e di atti ad esse conseguenti.

Sapendo che durante il periodo di quarantena spesso alle scimmie vengono tagliate le corde vocali.

Lo scrivente Lorenzo Croce

chiede a codesta procura di indagare se nella fattispece dei fatti elencati vi sia il reato di maltrattamento di animali cosi come previsto dal codice penale e se nelle dichiarazioni del presidente di Harlan non si ravvisi il reato di falso e di abuso della credulità popolare, avendo egli dichiarato (anche se mai confermato) ad un ex ministro della repubblica italiana di aver deciso di salvare le scimmie quando invece ad oggi non si conosce il reale stato di tenuta di quegli animali.

Chiede inoltre a codesta procura di essere informato qualora il presente esposto-denuncia venga archiviato.

In fede

Lorenzo Croce

Pregnana Milanese 25 maggio 2012


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close