EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Strage di Brindisi: altri dettagli sullo stragista. Lo scoop di Quarto Grado

Strage di Brindisi, un nuovo scoop, questa volta è Quarto Grado che manda in onda un filmato di un uomo in giacca scura e camicia chiara parzialmente non abbottonata, chiari anche i pantaloni, sportive le scarpe. I capelli sono corti e scuri. Porta un paio di occhiali da sole.

Gli inquirenti continuano a lavorare anche sui reperti ed intanto per il chimico e tossicologo forense Roberto Gagliano Candela, docente ordinario all’università di Bari, non ci sono praticamente dubbi: le bombole contenevano una quantità minima di gas, quindi avevano una potenza più devastante a contatto con l’aria, e non altre miscele esplosive. “Uno spostamento d’aria senza grossi danni localizzati è compatibile con l’esplosione da gas”. Altre miscele esplosive avrebbero lasciato segni molto più evidenti di una semplice bruciatura sul muro di recinzione della scuola e tre piccole buche sul marciapiede da quel che si legge su Il Giornale, all’ugello di una bombola sarebbe stato collegato il detonatore, innescando lo scoppio con un telecomando al passaggio di una persona. Piccolo lavoro ingegneristico, secondo Gagliano Candela, che non può fare uno sprovveduto, per di più mosso, come in questo caso, da un mente criminale la cui identità sembra ancora lontana dall’essere individuata.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com