Salute

Alluminio nei cosmetici e deodoranti: occhio alle neuropatologie

L’alluminio è pericoloso per la nostra salute? In marzo, un sondaggio di 60 milioni di consumatori ha condannato il tasso eccessivo di alluminio nei deodoranti (fino al 20%). L’alluminio purtroppo è presente in elevate concentrazioni (fino al 20%) in molti deodoranti. Ma è davvero cancerogeno? L’Afssaps (Agence française du médicament) ha escluso che possa causare il cancro al seno. È presente nel sale , conservanti, coloranti , le polveri di lievitazione per neonati e altri prodotti quotidiano. È molto spesso utilizzato nell’industria alimentare , farmaceutica (in particolare per i vaccini) e cosmetica, poiché oltre ad essere poco costoso facilita la penetrazione delle creme nella pelle nonché la conservazione degli alimenti, rallentando il processo di ossidazione.

Il dottor Peter Souvet, presidente della Salute e dell’Ambiente della Francia,  a riguardo dichiara: “Il corpo umano è naturalmente privo di alluminio. L’Università di Créteil, ha identificato circa un migliaio di casi di sofferenza francese dal neuropatologie legati ad alti livelli di alluminio nei loro corpi. Il neuropatologo presso l’Università di Créteil, Romain K. Gherardi, spiega che quando una particella di alluminio raggiunge il cervello  causa un infiammazione dei neuroni. Questa malattia raddoppia il rischio di Alzheimer , crea dolori e affaticamento muscolare.

Poiché non vi è ad oggi nessuna regolamentazione contro l’uso di questo minerale lo dobbiamo controllore in autonomia:

  • Cercate di non applicare il deodorante subito dopo la ceretta, in quanto l’assorbimento viene poi moltiplicato per sei.
  • Leggete  sempre gli ingredienti da evitare tutti i derivati ​​di alluminio . Si noti che il termine “naturale” non significa non- tossico! L’allumina è una molecola presente in natura, ma rischio tossico per l’uomo.
  • Non coprire il cibo di carta stagnola. Soprattutto  nel forno perché gli ingredienti acidi (limone, aceto …) vengono mescolati con l’alluminio dal calore .
  • Effettuare regolari esami del sangue per testare la vostra immunità per inalazione di alluminio.

L’Unione Europea raccomanda di non superare 1 mg di alluminio / settimana. Ma la sua presenza purtroppo non è sempre indicata.

Tuttavia, anche con queste precauzioni non si può sfuggire ad un possibile richiamo di un  vaccino . Ma per ragioni industriali, tutti i vaccini contengono molto  alluminio.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close