Esteri

Mediterraneo: A Bengasi sequestrati 3 pescherecci di Mazara del Vallo

Mediterraneo: A Begasi sequestrati 3 pescherecci di Mazara del Vallo
Foto d'Archivio, vietata la riproduzione. redazione@mediterranews.org

Nuovi dissidi nelle acque del Mediterraneo, forse è un classico ma non succede da tempo.

Sequestrati dei pescherecci di Mazara del Vallo. A bordo sembra ci siano in totale 21 uomini, tra siciliani e tunisini, i pescherecci  sono stati sequestrati ieri sera in Libia da un’unita’ militare e dirottati nel porto di Bengasi.

I natanti  che risultano essere  il “Boccia“, il “Maestrale” e l'”Antonino Serrato“, stavano pescando a una trentina di miglia dalle coste libiche quando sono stati abbordati da una motovedetta e costretti a dirigersi a terra. La diplomazia italiana in Libia e’ gia’ al lavoro sulla vicenda.

E’ il secondo sequestro di motopesca siciliani in Libia dopo la caduta di Gheddafi.


In novembre era stato catturato il mazarese “Twenty two“, rilasciato alcuni giorni dopo. Il presidente del Distretto produttivo della pesca di Mazara del Vallo, Giovanni Tumbiolo ha dichiarato: “Ho sentito gli armatori che sono tutti molto preoccupati”, Tumbiolo ha contattato il viceministro libico Adnan Jibril, col quale e’ in rapporto nell’ambito delle attivita’ di cooperazione che il Distretto mazarese della pesca porta avanti con i Paesi della sponda Sud del Mediterraneo. Al di la’ di un “atto di clemenza” che potrebbe consetire il rapido rilascio dei tre pescherecci sequestrati, secondo Tumbiolo serve comunque “fare chiarezza sulla questione delle acque territoriali” della Libia.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close