Italia

Perchè il web writer non è nemmeno un precario. La quotidianità di chi vive per la rete

Perchè il web writer non è nemmeno un precario. La quotidianità di chi vive per la reteItalia, crisi economica, politica ed occupazionale, ad aver la peggio sono le generazioni più giovani. Sembra sia nato un nuovo reality show il “tutti a casa”. Giovani senza lavoro costretti dalla realtà a stare a casa, spesso in famiglia. Tanti sono coloro che cercando di “inventarsi” nuove professionalità e tanti sono coloro che si dedicano al telelavoro.

Un settore con svariate sfumatura. Per rendersi conto di quanto sia complesso questo nuovo mondo sommerso basta fare una interessante surfata in rete all’interno di forum e blog di settore. C’è di tutto. Quello che emerge è lo sfruttamento.

Siti e blog che avanti grazie al lavoro, sottopagato, di migliaia di giovani.

La figura più interessante è certamente il web writer. Il web writer è una sorta di redattore virtuale ma è sopratutto il vero cuore pulsante delle tante realtà virtuali. Siti e blog vengono aggiornati proprio grazie ai saperi dei web writer. Nei tanti annunci della rete si trovano diversi professionisti del settore, giovani che dopo anni di esperienza aprono anche la partita iva pur di essere in regola, ma di contro troppi committenti sono dei veri e propri caporali che sfruttano il lavoro intellettuale altrui pretendendo la cessione dei diritti d’autore e sopratutto la stesura di un testo ad una cifra irrisoria che va da 0.50 ad 1 euro per un post, ovvero circa 300 parole. Le battute non esistono più. Oltre al prezzo irrisorio con cui si pretende di acquistare le professionalità altrui c’è altro. Un web writer, è costretto a scontrarsi con centinaia di nuovi caporali moderni, a orientarsi attraverso migliai di annunci, a inviare candidature e ad attendere. A fine mese, nessun web writer ha la certezza di incassare quanto ha lavorato, spesso infatti dietro agli annunci si nascondono vere e proprie truffe e, non pochi sono i servizi che restano non saldati, senza possibilità alcune di poter aprire una contestazione. Se c’è chi sfrutta, c’è chi si fa sfruttare ed allora ecco che giovanissimi si lanciano nel mercato della scrittura online e si propongono per 30 centesimi a pezzo, abbassando ulteriormente la soglia di pagamento. Si abbassa così il valore dei testi reperibili online e si genera un continuo copy and past che tende solo a creare testi “immondizia”. La rete così diventa una sorta di “cassonetto dell’indiferenziata” zeppo di ingiustizie sociali.Il web writer, non è nemmeno un precario, per definizione sarebbe un professionista ma in Italia è lungi dall’esser riconosciuto tale.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close