Italia

Roberta Ragusa già sepolta nel cimitero? Un indizio

Di Roberta Ragusa nessuna traccia. Cinque mesi di silenzio, assurdo silenzio.

Di Roberta non si trova nè viva nè morta questo è il mistero!

Intanto si continua a chiedere la risoluzione del caso Ragusa, appelli sul web e manifestazioni segnano lo scorrere nei giorni e dei mesi, però nulla è mutato.

Avvistamenti un pò ovunque forse dovuti alla suggestione intanto non si sa proprio cosa è succeso.

In procura intanto è stato consegnato il dossier realizzato dagli esperti che fanno parte dell’associazione «Per Roberta». Lo si apprende da La Nazione. La relazione è stata curata  dalla criminologa Imma Giuliani e lo psicologo Fabrizio Mignacca.


Il dossier sarebbe ricco di testimonianze anche importanti.

Intanto si legge sull’ADNK che Roberta potrebbe essere in cimitero. ”Cercate Roberta Ragusa nel cimitero di Gello”, che si trova a tre minuti d’auto dalla casa  di Roberta. Gli indizi ci sono, e soprattutto ci sono le testimonianze ritenute attendibili di una decina di amici e amiche di Roberta, che raccontano di aver notato molte cose strane in quel camposanto dopo la scomparsa della donna. E’ una delle novità, la più clamorosa, contenuta nel dossier che la task force dei consulenti dell’Associazione per Roberta (composta dalla criminologa Imma Giuliani, lo psicologo Fabrizio Mignacca e gli avvocati Giuseppe Di Biasi e Carmen Stizzo) ha consegnato ieri al pm pisano Aldo Mantovani. La notizia è riportata oggi sul ‘Corriere Fiorentino’.

Sarebbero molti gli elementi ritenuti interessanti dal magistrato che avrebbe già dato le prime disposizioni per fare accertamenti nel cimitero, negli altri luoghi indicati nelle carte e anche su alcuni reperti trovati. Si parla di un terreno intatto prima della scomparsa della donna e poi mutato nella morfologia ”come se qualcuno avesse scavato”. Su questo terreno, scrive il quotidiano, sono stati rinvenuti alcuni indumenti che adesso sono al vaglio degli investigatori. I primi accertamenti sono già iniziati. Saranno anche ascoltati i testimoni indicati nel dossier. E si cercheranno riscontri su particolari, sempre contenuti nelle carte, consegnate al magistrato, delle ultime ore che Roberta Ragusa ha trascorso con i familiari prima di scomparire.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button
Close
Privacy Policy Cookie Policy