Editoriali

Afa e caldo A rischio 700.000 cani anziani, obesi e cardiopatici

L’ondata di caldo mette a dura prova anche la salute degli animali. A rischio, infatti, un milione e mezzo tra cani e gatti ed altri animali domestici.


A lanciare l’allarme l’Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa), che ha stilato un elenco di consigli pratici che proteggono in particolare i cani obesi e quelli appartenenti alle razze a rischio dal pericolo dell’AFA. Ogni annosono almeno 700.000 i cani che rischiano malattie sia per la loro particolare razza di appartenenza (in particolare i molossi), ma anche perché anziani, cardiopatici o obesi. Ecco i consigli per far convivere bene il cane con la calura estiva secondo l’associazione Aidaa:
Come regola generale anche fido può rischiare un colpo di calore che potrebbe portarlo fino al coma e alla morte, afferma l’associazione Aidaa. Per questo in casi particolari occorre intervenire subito applicando ghiaccio secco sotto ascelle e inguine, con doccia gelata e usando ventilatore o aria condizionata per raffreddare il cane. Questi interventi se fatti velocemente spesso salvano la vita. I più a rischio sono carlini, boxer e bulldog, razze che hanno le prime vie respiratorie piuttosto piccole rispetto alle dimensioni dell’ animale. Particolarmente a rischio i cani obesi, e quelli con il folto mantello. A parte questi casi ecco semplici da seguire in casa e all’aperto: 1) mantenere una dieta equilibrata e molta acqua fresca, ma non freddissima per evitare possibili congestioni; 2) tenere il cane in zone ombrose ed evitare di portarlo in spiaggia o a fare la passeggiata quotidiana, nelle ore più calde, e comunque munirsi sempre di una bottiglia di acqua; 3) attenzione ai colpi di freddo per l’aria condizionata, 4) mai lasciare il cane chiuso in auto con i finestrini serrati anche durante i viaggi delle vacanze.

Associazione italiana difesa animali e ambiente


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close