Economia

Idv: fondi UE persi, interrogazione di Federico Palomba al Ministro degli Affari Europei

Cagliari, 21 luglio 2012 – «E’ vero che diverse regioni meridionali corrono il concreto rischio di perdere in misura consistente i fondi comunitari? In particolare, è vero che la Regione Sardegna perderà o ha perso 140 milioni di euro di fondi europei la cui spesa non è stata pianificata e programmata dalle istituzioni regionali? Se la notizia fosse vera, quali rimedi possono eventualmente essere adottati per evitare la perdita di tali risorse? E quali rimedi il governo intende porre in essere, oltre che per evitare tali perdite, anche per prevenire tali rischi, magari dando vita ad un programma di sostegno, di verifica e di informazione?». Lo chiede il deputato e segretario regionale dell’Italia dei Valori Federico Palomba in una interrogazione urgente al ministro degli Affari Europei sulla vicenda dei fondi comunitari che ha visto nei giorni scorsi protagoniste oltre la Sardegna anche le Regioni Sicilia e Calabria. «Un’eventualità del genere, che mette a rischio l’intero ciclo di programmazione comunitaria 2007-2013 in un periodo di crisi economica come quello attuale, sarebbe nefasta per la Sardegna e per l’intero mezzogiorno», scrive Palomba ricordando (come già sottolineato nei giorni scorsi dall’europarlamentare dell’Idv Giommaria Uggias) che all’inizio dello scorso mese di giugno, il Commissario europeo per la Politica Regionale dell’Unione europea, Johannes Hahn, aveva incontrato il presidente della Regione Sardegna mettendolo in guardia sul “rischio concreto” per la regione di perdere tra i 100 e i 150 milioni di fondi messi a disposizione dall’UE. «Occorre che il Governo non si limiti ad un’azione notarile e di verifica, ma dia vita ad azioni concrete e ad un serio programma nazionale che sostengano le regioni in difficoltà e prevengano per il futuro il rischio di ulteriore impoverimento dei territori più svantaggiati del sud. Soprattutto se essi risultano non essere in grado di dare vita a processi innovativi che mettano a frutto con professionalità le risorse messe a disposizione dall’Unione europea, premiando la professionalità e ponendo fine ad ogni logica clientelare. E’ urgente – conclude il deputato dipietrista – creare nelle stesse regioni delle reti di collaborazione e di scambi di buone pratiche con il resto d’Europa».


Di seguito il testo dell’interrogazione dell’on. Palomba al ministro degli Affari europei

Al ministro per gli Affari europei
Interrogazione a risposta scritta per sapere, premesso che:
nei giorni scorsi la stampa regionale ha dato notizia che la Regione Sardegna perderà una parte significativa dei fondi europei ad essa destinati, oltre 140 milioni di euro, in quanto le istituzioni regionali non ne avrebbero pianificato e programmato l’utilizzo;
un’eventualità del genere, che mette a rischio l’intero ciclo di programmazione comunitaria 2007-2013 in un periodo di crisi economica come quello attuale, sarebbe ovviamente nefasta per la Sardegna;
il rischio concreto per la regione sarda di perdere tra i 100 e i 150 milioni di fondi messi a disposizione dall’UE all’inizio dello scorso mese di giugno era stato prospettato dal commissario europeo per la Politica Regionale dell’Unione europea, Johannes Hahn, al presidente della Regione Sardegna;
se la perdita dei fondi europei riguardasse, oltre che la Regione Sardegna, anche la Sicilia e la Calabria, sarebbe palese e preoccupante l’incapacità di molte istituzioni regionali, soprattutto nel Meridione d’Italia, di dare avvio a processi innovativi per mettere a frutto con professionalità le risorse messe a disposizione dall’Unione europea per lo sviluppo dei territori in difficoltà;
tale difficoltà pare rendere improcrastinabile l’avvio di un programma nazionale volto a garantire un sostegno alla programmazione della spesa dei fondi comunitari, ripensando l’intero sistema delle rappresentanze regionali e degli uffici competenti con modalità che premino la professionalità e pongano fine alla logica clientelare di certe amministrazioni per creare subito reti di collaborazione e scambi di buone pratiche con il resto d’Europa; infine, pare opportuno dare corso alla capillare e costante diffusione delle informazioni in modo da aumentare la consapevolezza dei cittadini verso questo tema;
quali conoscenza in termini qualitativi e quantitativi su questo tema il ministro abbia e voglia comunicare e in particolare se la notizia della perdita delle risorse comunitarie da parte della Sardegna risponda a verità; in caso affermativo quali rimedi possano eventualmente essere adottati ora per evitare la perdita di tali risorse, e in seguito per prevenire simili eventualità; se infine il ministro ritiene opportuno l’avvio di un programma nazionale volto a garantire un sostegno alla programmazione della spesa dei fondi comunitari, ripensando l’intero sistema delle rappresentanze regionali e degli uffici competenti con modalità che premino la professionalità e pongano fine alla logica clientelare di certe amministrazioni per creare subito reti di collaborazione e scambi di buone pratiche con il resto d’Europa; infine, prevedendo anche di dare corso alla capillare e costante diffusione delle informazioni in modo da aumentare la consapevolezza dei cittadini verso questo tema.
On. Federico Palomba

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close