EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Termini Imerese: in visita al castello, passeggiata notturna venerdì 3 agosto

Castello di Termini realizzato da Ignazio De Michele nella metà dell’Ottocento

Castello di Termini realizzato da Ignazio De Michele nella metà dell’Ottocento

Termini Imerese, l’appuntamento è per venerdì 3 agosto 2012 alle ore 21,30 al Belvedere davanti la libreria Punto 52. L’iniziativa prevede una passeggiata alla scoperta dell’antico Castello, ulteriore  tappa di un progetto, lanciato dall’Associazione SiciliAntica, per conoscere e riscoprire la città e permettere ad una comunità di riappropriarsi della propria memoria storica.


La visita, guidata dal geologo Antonio Contino, prevede una camminata lungo l’antico perimetro del castello, con l’illustrazione delle tracce più significative e in conclusione la salita sulle terrazze dell’antica fortezza da cui si può ammirare un panorama straordinario. Al termine verrà letta la descrizione del territorio di Termini e del suo castello che ne fece l’architetto Camillo Camilliani nell’anno 1583. I partecipanti potranno seguire tutto l’itinerario su una cartina, che sarà consegnata all’inizio della passeggiata, con la pianta del castello e la ricostruzione del perimetro delle strutture. “L’itinerario si propone – afferma Alfonso Lo Cascio della Presidenza regionale di SiciliAntica – di  riscoprire la storia del fortilizio, di evidenziare le tracce rimaste della sua esistenza millenaria e di tratteggiare le modifiche prodotte dall’uomo sulla formidabile ed imprendibile rocca. Un vero e proprio percorso all’interno della memoria storica della città antica”.


Il Castello di Termini Imerese

Sin dalla sua nascita la città di Termini Imerese si lega in maniera inscindibile al suo Castello, una delle fortezze strategicamente più importanti dell’Isola, ma della quale rimangono soltanto labili tracce. Il castello, che resistette strenuamente ad assedi (come quello emblematico del 1338 che portò alla quasi totale distruzione della città), dopo il 1860 finì per essere smantellato dagli stessi abitanti di Termini. A tutto ciò si aggiunse l’apertura di numerose cave di pietra calcarea legate soprattutto ai lavori di realizzazione dell’erigendo molo di sopraflutto del porto, che comportarono pesantissime modifiche di questa area con la scomparsa di alcune grotte delle quali non rimangono vestigia. Oggi nulla rimane della torre principale della fortezza, della vasta piazza d’armi, della chiesa di S. Ferdinando, del ponte levatoio e di tante altre strutture che caratterizzavano l’antico maniero.  Per informazioni: SiciliAntica, Via Ospedale Civico, 32 – Termini Imerese Tel. 091             8112571 – 346       8241076 E-mail: terminiimerese@siciliantica.it

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com