Italia

Tex Willer, e il suo supermarket di identità Arrestato il pirata informatico che vendeva identità

 “Tex Willer” e questo il nickname di P.G., napoletano di 45 anni , mago dell’informatica che pare gestisse cinque siti web del network illegale “Italianshare”, un supermarket della pirateria tra i più diffusi in ItaliaL’uomo, residente ad Agropoli,  e’ destinatario di una ordinanza di custodia cautelare emessa del gip di Vallo della Lucania, dopo indagini della Guardia di Finanza per aver venduto illegalmente nel 2011 a sei imprese del settore pubblicitario il database degli utenti iscritti ai suoi siti pirata, cioe’ circa 300mila e-mail e indirizzi IP, senza il consenso degli interessati. “Tex Willer” ha incassato cosi’ 37mila euro. Ma P.G. è anche un evasore totale, dal 2007 al 2011, non ha mai pagato imposte per quanto guadagnato attraverso il network di siti da lui creato (la stima dei finanzieri e’ per 580mila euro, con 83mila euro di Iva evasa); cinque siti che facevano capo a “Italianshare” e dai quali si poteva scaricare e copiare illegalmente files di libri, musica, cinema, riviste, tv e cartoni animati, e che erano stati sequestrati e bloccati nel corso di un’altra indagine a suo carico a novembre 2011. Un supermarket della pirateria audiovideo che era servito all’uomo per emettere fatture false per 100mila euro, ma anche per creare documenti falsi e identita’ fittizie per carte di credito prepagate e non, e per occultare i guadagni al fisco.
Con lui sono state denunciate altre 5 persone per frode fiscale, falsificazione di mezzi di pagamento e favoreggiamento personale.
.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close