EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Trecento liguri con GS in Alta Engadina

Trecento liguri con GS in Alta Engadina

Foto Almanzi, copyright Mediterranews

ALBENGA- Sono tornati dall’Alta Engadina i quasi trecento liguri che hanno partecipato, con i giovani di GS ( Gioventù Studentesca) alla annuale “ vacanzina” estiva. Fra loro c’erano anche una ventina di ragazzi e giovani della zona compresa fra Albenga e Pietra Ligure. “ Questa vacanza – dice Marida Canepa, una delle partecipanti alla vacanzina- ha avuto molteplici scopi. Per prima cosa è stata una occasione per far incontrare i nostri ragazzi con giovani di Mirandola che hanno perso tutto nel terremoto di maggio che ha colpito l’Emilia e che hanno offerto una grande testimonianza di fede. E’ servita a cementare l’amicizia e la fede fra tutti i partecipanti ed anche a far conoscere luoghi alpini incantevoli, favorendo nel contempo la riflessione sulla presenza del bene, della speranza e della fede in ogni luogo”. Il viaggio ha avuto numerose mete: fra queste l’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Piona, nel complesso architettonico del Priorato di Piona ( sulla sponda lecchese del Lago di Como), il Museo Segantini ( inaugurato nel 1908 e dedicato al grande artista italiano), l’ Ospizio del Bernina e l’Alp Grum ( a cui si è giunti grazie al famoso trenino), le gite al Forcla Surlej, al Maloia, al Rifugio Boval ( affacciato sul ghiacciaio del Piz Morteratsch), ai laghi di Cavloc, Silvaplana e Saint Moritz. Il gruppo di liguri è stato ospitato presso l’ Hotel Reine Victoria a Saint Moritz Bad ( 1856 metri sul livello del mare) in un accogliente albergo ottocentesco fra i più belli dell’Alta Engadina che dispone di un teatro storico nel quale si sono svolte le assemblee, gli incontri e gli spettacoli.
Comunione e Liberazione è un movimento ecclesiale il cui scopo è l’educazione cristiana matura dei propri aderenti e la collaborazione alla missione della Chiesa in tutti gli ambiti della società contemporanea. È nato in Italia nel 1954 quando don Luigi Giussani, diede vita, a partire dal Liceo classico «Berchet» di Milano, a un’iniziativa di presenza cristiana chiamata Gioventù Studentesca (GS). La sigla attuale, Comunione e Liberazione (CL), compare per la prima volta nel 1969. Essa sintetizza la convinzione che l’avvenimento cristiano, vissuto nella comunione, è il fondamento dell’autentica liberazione dell’uomo. Attualmente Comunione e Liberazione è presente in oltre settanta Paesi in tutti i continenti.
“ In questi giorni di riflessione e condivisione abbiamo visitato- dice Maria Teresa Soro, una docente accompagnatrice- luoghi incantevoli e detto messa anche dinanzi a ghiacciai spettacolari. Insomma è stato un viaggio di grande spessore religioso ed umano, una forte occasione di crescita per i tanti giovani che vi hanno preso parte con entusiasmo e per gli stessi adulti che li hanno accompagnati”.
Ma la “ vacanzina” non è stata solo dedicata alla spiritualità ed alla riflessione c’è stato anche spazio per il divertimento ( giochi, balli, canti e concerti ) e per la cultura ( la musica classica, l’astronomia, la fisica e l’arte) nella tradizione dell’insegnamento del “ Gius” che desiderava giovani e adulti alla ricerca perpetua del bello attraverso la realtà. La tensione al bello ed al bene per don Giussani era una strada, un cammino di fede, un modo per “ riconoscere una Presenza”. La fede per Giussani è una “esperienza ragionevole” ed illumina ogni spazio della vita individuale (i rapporti umani, l’ esperienza lavorativa, la vita sociale e politica): la vera libertà dell’uomo sta infatti nella possibilità di risolvere il proprio desiderio di infinito nell’ incontro con Cristo.

CLAUDIO ALMANZI

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com