Italia

Agrigento: continua la bufera all’ASI. Sospetti di collusione mafiosa

Agrigento: continua la bufera all'ASI. Sospetti di collusione mafiosa Agrigento, è bufera sulla Asi, qualcosa non torna ed intanto si apprende dall’Agi che il commissario straordinario del Consorzio dell’Area di sviluppo industriale (Asi) di Agrigento, Alfonso Cicero, ha licenziato tre dirigenti accusati di avere “operato in modo scellerato, irresponsabile, illecito”, e gia’ sospesi alcuni mesi dai loro incarichi.


Ad essere stati licenziati sono l’ex dirigente generale Antonino Casesa, l’ex responsabile dell’ufficio tecnico Salvatore Callari e l’ex capo dell’ufficio contabile Rosario Gibilaro. A Casesa e Callari e’ stato contestato, tra l’altro, anche di aver aver permesso a “diverse aziende ritenute colluse ed in odore di mafia” di continuare la loro attivita’ “con l’inaccetabile ‘gioco’ dei ritardi amministrativi e delle omissioni”.

Come è noto, dall’insediamento di Cicero ad oggi sono diverse le aziende allontanate dall’area dell’ASI. Attualmente l’Asi  è sommersa di debiti, il personale è senza stipendio e dovrebbero partire persino dei pignoramenti.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close