Italia

Battipaglia: fermato Francesco Matrone, La Belva

Battipaglia: fermato Francesco Matrone, La Belva
Francesco Matrone, La Belva, foto Mininterno

Fermato  Francesco Matrone, 65 anni, presunto capo dell’omonimo clan di camorra. Matrone ha da scontare due ergastoli per duplice omicidio ed inserito nell’elenco dei nove latitanti più pericolosi nel programma speciale di ricerca elaborato dal Viminale.

Francesco Matrone, conosciuto come La Belva è stato arrestato nella sua casa di Battipaglia.


Dopo accurate indagini gli uomini dei Ros hanno trovato il covo  ed ancora Sono in corso numerose perquisizioni nell’area compresa tra i comuni di Battipaglia e Montecorvino Rovella, che proseguiranno nel pomeriggio e quasi certamente anche nella notte. Da quanto si è appreso alla cattura hanno partecipato circa cento carabinieri coadiuvati da un elicottero del 7 nucleo di Pontecagnano e da unità cinofile. I particolari della cattura saranno illustrati soltanto domani mattina nel corso di una conferenza stampa nella sede del comando provinciale di Salerno alla quale prenderanno parte il procuratore della Repubblica Franco Roberti che ha coordinato le attività investigative, i comandanti della Legione Carabinieri Campania, generale Carmine Adinolfi, del Ros, il generale Mario Parente, e del comando provinciale di Salerno, il colonnello Fabrizio Parrulli. Al momento c’é stretto riserbo sui possibili sviluppi che, non è escluso, potrebbero portare ad altri provvedimenti restrittivi. Il generale Adinolfi non appena appresa la notizia dell’importante operazione si è recato a Salerno nella caserma del Comando provinciale per esprimere il suo più vivo compiacimento.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close