Economia

Operai Alcoa Aeroporto di Elmas ancora bloccato

Cagliari- Si sta allentando la tensione ad Elmas dove da stamane alle 5,30 è in corso la manifestazione degli operai dell’Alcoa contro la fermata degli impianti dello stabilimento di Portovesme, annunciata dalla proprietà per l’inizio di settembre.


Con lo spettro incombente della chiusura, gli operai dell’Alcoa di Portovesme hanno deciso di inasprire la vertenza per salvare lo stabilimento sardo, cuore della produzione di alluminio in Italia. Perciò, sbattendo sull’asfalto il caschetto, hanno distribuito volantini hanno bloccato il traffico intorno all’aerostazione ed in particolare la rampa che dalla statale 130 porta allo scalo. Il loro intento è quello di spiegare le ragioni della protesta rilanciando l’appello al Governo e alle istituzioni regionali affinché si attivino per trovare una soluzione alla chiusura dello stabilimento di Portovesme.

Senza l’ingresso di un nuovo acquirente, i vertici della multinazionale sono pronti a lasciare entro la fine di agosto. E sugli impianti di Portovesme calera’ definitivamente il sipario. Una mazzata per l’intero territorio: una provincia, quella di Carbonia Iglesias, tra le piu’ povere d’Italia con un tasso di disoccupazione vertiginoso e livelli altissimi di cassintegrati, gia’ a quota ventimila in tutta l’Isola.

Di queste ore la notizia che venerdi’, 31 agosto, alle ore 10.00, e’ stato convocato un incontro al Ministero del Lavoro per definire la questione degli ammortizzatori sociali dei lavoratori Alcoa.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close