EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Animali in condominio: con la nuova legge rischio di aumenti liti e sequestri

Roma (28 Settembre 2012) – La legge che sancisce il diritto di tenere gli animali nei propri appartamenti senza che il condominio possa inserire alcun divieto di sorta sancisce un principio assolutamente positivo ma il rischio che aumentino le liti in condominio e le cause davanti a conciliatori e giudici di pace è dietro l’angolo, cosi come di fatto la nuova legge introduce la possibilità di sanzionare il proprietario e sequestrare un poco più facilmente l’animale qualora si renda responsabile di reiterato disturbo della quiete e del riposo degli altri condomini con le modalità previste dall’articolo 672 del codice penale. Ovviamente l’introduzione dell’inasprimento delle sanzioni è stata individuata come tutela dei condomini che non possiedo animali o che non ne vogliono sapere di cani e gatti in condominio.

Oggi in Italia c’è una lite di condominio ogni dieci minuti per problemi legati alla gestione degli animali, il rischio che i condomini intolleranti alla presenza degli animali visto che non possono più chiedere l’allontamento a norma di regolamento si rivolgano ai giudici per far valere il principio di non essere disturbati dal cane che abbaia o del gatto che attraversa l’abbaino e va sul balcone. “Noi attraverso i nostri servizi legali ne abbiamo visti di tutti i colori, compresi condomini che chiedono di introdurre in regolamento il divieto per i gatti di camminare sui tetti- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA- il rischio che aumentino le liti non è affatto peregrino per questo motivo occorre che a fianco di questa legge vengano introdotti dei regolamenti comunali e di condominio molto chiari che sanciscano quelli che sono gli orari del riposo, ma sopratutto che sanciscano quali sono i comportamenti degli animali che potrebbero essere considerati molesti, e sopratutto sia chiaro a tutti quelli che sono i limiti dell’abbaio di un cane in decibel per poter parlare di disturbo della quiete pubblica. Riteniamo questa legge un buon punto di incontro, ma – conclude Croce- lasciare al solo buon senso dei condomini le valutazioni in merito al distrurbo della quiete pubblica è rischioso. E’ vero esistono delle sentenze che mettono dei paletti, ma molto spesso le persone maleducate ed intolleranti lo sono anche in presenza di leggi e divieti, figuriamoci se lasciamo fattori come questi alla libera interpretazione. Il rischio di far west è dietro l’angolo”.

Associazione Italiana Difesa Animali Ambiente

per info 3478883546-3926552051

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com