Italia

Attentato Roberto Adinolfi A Torino fermati due anarco-inssurezionisti

Eseguiti nella notte alcuni arresti nell’ambito dell’indagine sulla gambizzazione di Roberto Adinolfi, il dirigente Ansaldo ferito a Genova nel maggio scorso.

Il blitz, portato a termine da carabinieri del Ros e Digos della Questura di Genova,  ha portato al fermo di polizia giudiziaria di due anarchici: Nicola Gay, 44 anni e Alfredo Costito, 46.  I due soggetti, appartenenti all’area anarco insurrezionalista, fermati stavano per abbandonare l’Italia. Secondo le prime informazioni, anche la compagna di Costito è indagata ma non sottoposta a fermo.

In base a  quanto appreso polizia e carabinieri genovesi stanno setacciando non solo residenze ma anche centri di aggregazione di area anarchica, come proseguono  le perquisizioni delle forze dell’ordine a carico di alcuni sospettati a Bordighera, Cuneo e a Pistoia.

 Il ferimento ad Adinolfi avvenne il 7 maggio sotto casa sua;a sparargli furono due persone fuggite poi in moto. Il fatto fu rivendicato dalla Federazione Anarchico Informale.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close