Economia

Fido e Micio in condomini La Camera dice no al divieto

Approvata alla Camera, quasi all’unanimità, la nuova disciplina sugli edifici in condominio, determinata da modifiche ai relativi articoli del codice civile che di fatto impedisce ai regolamenti di vietare la detenzione di animali domestici in appartamento.

Soddisfazione  non solo dai rappresentanti politici ma soprattutto da parte degli animalisti. Per la Lav si tratta di ”una vittoria per le famiglie che vivono con quasi 20 milioni di quattro zampe e di una battaglia iniziata nelle assemblee condominiali e nei tribunale”. In questo modo ”l’Italia adegua un’altra parte della propria legislazione ai principi contenuti nel trattato Europeo che definisce gli animali esseri senzienti, e al codice penale che punisce i loro maltrattamenti. E’ un nuovo, concreto passo per porre fine a una discriminazione contro chi vive con animali domestici. Una pace sociale che dovrà essere rispettata da tutti, senza alcun dubbio interpretativo”, dice Gianluca Felicetti, presidente della Lav. Ricorda infine la Lav ” Il nuovo articolo è stato approvato grazie alla presentazione, a inizio di questa legislatura, della proposta di legge della stessa Lav per la riforma del codice civile sostenuta dalle parlamentari Gabriella Giammanco del Pdl e Franca Chiaromonte del Pd, sostenuta dai parlamentari del Pdl Luigi Vitali, Michela Vittoria Brambilla, Gianni Mancuso, da quelli del Pd Rodolfo Viola e Andrea Sarubbi e dal relatore Salvatore Torrisi.raggiunto che permette di ribadire ancora una volta la necessità di un corretto rapporto tra uomo e animali domestici”, ha detto Rodolfo Viola, deputato del Pd, ricordando che “la norma approvata peraltro fa una distinzione tra animali domestici ed esotici e fissa un discrimine decisivo che, se da un lato evita che i regolamenti condominiali vietino la detenzione di cani, gatti, criceti ecc., dall’altra fa in modo che i regolamenti condominiali vietino la detenzione di animali esotici”.

Ora si aspetta il sì definitivo del Senato e finalmente potremo vivere liberamente con i nostri amici a quattro zampe.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close