Economia

Idv: Palomba, attendiamo riduzioni e rendiconti sulla spendita dei soldi dei cittadini

Cagliari, 27 settembre 2012 – Ricorre un anno esatto da quando, nell’ostracismo generale. Italia dei Valori chiamò i sardi a firmare per sopprimere fondi ai gruppi ed altri emolumenti e per ridurre il numero del più mastodontico Consiglio regionale dopo la Sicilia. I fatti ci hanno dato ragione, seppure a distanza, e per questo ringraziamo i nostri militanti e i 20mila sardi che hanno firmato per tagliare i costi del Consiglio regionale sardo.

Solo ora, travolta dagli scandali, la politica ha dovuto fare rapidi passi indietro: i fondi pubblici ai partiti sono stati dimezzati (col prossimo referendum l’Italia dei Valori ne chiederà la totale soppressione); il Consiglio regionale é stato costretto ad intervenire, anche se se non è ancora chiara l’entità di tale intervento; martedì la Camera ha approvato il drastico abbattimento dei fondi ai gruppi parlamentari, insieme all’obbligo di pubblicità dei bilanci e della loro certificazione esterna; i presidenti delle Regioni hanno proposto al Governo forti tagli sulle spese delle regioni e dei Consigli regionali; da ultimo Bersani ha proposto il taglio di altri 1.000 euro ai parlamentari.
Sono tutte cose che chiedevamo un anno fa, tra gli attacchi di ogni genere. Avevamo ragione e ce ne prendiamo il merito insieme ai sardi che hanno firmato le nostre pdl (come quelle di Lu Puntulgiu e di altri) e che hanno votato il referendum abrogativo di tutti gli emolumenti, eccetto la sola indennità fatta salva dall’articolo 26 dello Statuto Sardo. Ora aspettiamo che il Consiglio regionale della Sardegna, proprio perché gli portiamo rispetto, abbatta ancora i costi della politica, renda pubbliche le spese e ordini la certificazione dei bilanci, come ha deliberato la Camera, per riconciliare i cittadini con la politica.

Tag

Related Articles

Un commento

  1. I continui richiami moralistici dell’on. Palomba sui costi “degli altri” politici, in questo caso il Consiglio regionale, hanno ormai superato abbondantemente il livello medio di sopportabilità. Così come è ormai stucchevole il continuo e ripetuto richiamo alle 2 proposte di legge sottoscritte da “20 mila sardi”.
    Temo che l’on. Palomba le richiami costantemente ma non le abbia lette. Faccio notare infatti che se avessimo applicato la P.L. popolare n° 5 per la riduzione delle indennità ai consiglieri e dei fondi ai gruppi consiliari….avremmo dovuto aspettare il 2014!! La proposta in esame, infatti, recita all’art. 4, Entrata in vigore,: “Le disposizioni riguardanti i gruppi e i consiglieri regionali si applicano al primo Consiglio regionale eletto dopo l’entrata in vigore della presente legge” (SIC).
    Faccio notare all’on. Palomba che il Consiglio regionale, su cui Egli è abituato scagliarsi, non ha aspettato la prossima legislatura ma ha già approvato la legge di riduzione del numero dei consiglieri regionali da 80 a 60 (e subiamo i ritardi proprio della Camera dei deputati) e ha già tagliato del 30% le indennità dei consiglieri ed i fondi dei gruppi consiliari. Questi ultimi, a differenza di quelli della Camera, sono pubblicati in rete da parecchi mesi. Purtroppo anche questo fatto è sfuggito all’attenzione dell’on. Palomba. Fortunatamente la demagogia, al pari delle bugie, ha proprio le gambe corte!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close