Scienze e Tecnologia

Sardegna e Sicilia regioni per lo sviluppo del solare termodinamico

Le materie prime per la produzione del nostro fabbisogno energetico non sono eterne per cui occorre scommettere sulle fonti energetiche rinnovabili. Adesso sono un po’ più costose dell’elettricità di origine fossile, ma grazie alla ricerca diventeranno sempre più convenienti. In più, alcune filiere tecnologiche rinnovabili hanno il vantaggio di essere italiane e in grado, oltre di produrre energia, anche di creare nuovi posti di lavoro. E’ il caso del solare termodinamico. E’una fonte rinnovabile basata sulla concentrazione del calore prodotto dal sole, che riscalda acqua ad altissime temperature. Una fonte continua, in grado di produrre energia anche di notte, su misura per un paese come l’Italia, soprattutto al Sud, che potrebbe dare lavoro a una grande quantità di persone in fase di costruzione e di funzionamento.

5 preventivi fotovoltaico gratis

Questo tipo di tecnologia comincia a evolversi in Italia, in particolar modo nelle isole maggiori, la Sardegna e la Sicilia. Nei giorni scorsi è stato annunciato l’avvio di importante progetto a Ottana (Nuoro), il terzo polo industriale sardo, che sarà realizzato e gestito dall’Enas, l’ente che gestisce il sistema idrico multisettoriale regionale. E’ una struttura che si integra con altre fonti energetiche rinnovabili ed è costituita da un impianto che accumula energia solare, attraverso un serbatoio d’olio e un sistema di batterie, con una potenza di circa 1 MW.

Un secondo impianto termodinamico dovrebbe essere realizzato in Ogliastra. L’obiettivo è ottenere l’autosufficienza energetica del sistema idrico e la riduzione delle bollette dell’acqua nel settore potabile, irriguo e industriale. Il progetto, inoltre, prevede un’intensa attività di ricerca, finalizzata a diffondere tecnologie replicabili nel campo dell’energia alternative. Si prevede che l’impianto sarà operativo nel 2014, per una spesa approssimativa di 10 milioni di euro.

Stesso discorso anche in Sicilia, regione che ha ospitato il primo impianto termodinamico italiano, chiamato Archimede. l’Anest, associazione che raggruppa gli operatori del solare termodinamico. La Sicilia è la regione con le migliori possibilità e prospettive di sviluppo per le energie rinnovabili, perchè è la più estesa d’Italia e con la maggiore irradiazione solare del Paese. Entro il 2015  sarà operativa la prima centrale al mondo con tecnologia italiana a sali fusi. Si avvera così il sogno di Carlo Rubbia, il premio Nobel per la fisica che, quando ricoprì la carica di presidente dell’Enea, lanciò l’energia solare

5 preventivi fotovoltaico gratis

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close