Italia

Savona: la Bombardier Trasportation perde

Duro colpo per la Bombardier Trasportation di Vado Ligure che ora rischia la messa in cassa integrazione dei  suoi lavoratori.

La perdita della commessa, data alla francese Alstom,  per la costruzione del treno Polis a trazione distributiva per conto di Tenitalia, ha pregiudicato il futuro del sito lavorativo, il quale, se avesse mai vinto la gara, avrebbe avuto un’ attività lavorativa per circa dieci anni e sicurezze per un migliaio di unità di produzione. Ora, si materializzano le preoccupazioni per la crisi senza sbocchi ventilata dai sindacati in assenza di questo importante ordinativo. Perciò le maestranze chiederanno un incontro urgente con l’azienda per domandare quale strategia intenda adottare, senza dimenticare che già 140 dipendenti sono in cassa integrazione ordinaria a rotazione.

L’assessore al lavoro della Regione Liguria, Enrico Vesco, sottolinea che in questa gara la Bombardier è stata la prima a presentare l’offerta tecnica di un treno di grande qualità, avanzato tecnologicamente, che si discostava di poco da quella fatta dalla Alstom; l’unica differenza erano i tempi di consegna che la fabbrica francese garantiva in minor tempo; fattore che Trenitalia ha tenuto molto in considerazione.

Tutto ciò non fa altro che aumentare il disastroso livello occupazionale del savonese, dove oramai tante identità industriali, e non solo, hanno chiuso i battenti o messo in cassa integrazione molti lavoratori.

 

 

 

 

 

 

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close