Italia

Conto corrente controllato con Serpico? Dal primo novembre al via la nuova guerra all’evasione fiscale

Primo novembre arriva Serpico.

Serpico è il nuovo strumento informatico che serve a porre fine in Italia, si spera, all’evasione fiscale.Serpico infatti è un importante software informatico che da qualche tempo in mano al Fisco per pianificare il controllo e la lotta all’evasore.

Già nel decreto Salva Italia del 2011 si parlava di Serpico e della sua entrata in vigore del 31 ottobre 2012. Il panico però da qualche giorno corre sul web. Che gli italiani siano tutti evasori? Perchè tanta reticenza e tanta paura?

Serpico servirà per controllare ripetutamente i conti correnti, il sistema infatti consiste  nell’invio automatico da parte di banche e istituti di credito degli estratti conto all’Agenzia delle Entrate.

Sebbene il panico si sia diffuso largamente solo in queste ore c’è da dire che Serpico  è attivo dal 1 di gennaio ma sono serviti mesi per arrivare a tutti.


Tutte le operazioni bancarie superiori ai mille euro sono e vengono già notificate all’Erario. In realtà l’ obiettivo di Serpico è quello di  utilizzare le 22.200 informazioni al secondo che transitano dai suoi processori per stanare gli italiani che ogni anno sottraggono all’erario qualcosa come 120 miliardi (3mila euro a contribuente), una cifra che da sola basterebbe a pagare gli interessi su tutto il nostro debito pubblico.

Un ottimo motivo che non dovrebbe essere temuto ed ostacolato da nessuno.  Serpico incrocia i dati di banche  e codici fiscali e partite iva, poi  Nome e cognome del contribuente, più le sue ultime cinque dichiarazioni dei redditi inoltre Serpico è collegato con tutte le banche dati collegate online con l’Einstein della Sogei (catasto, demanio, motorizzazione, Inps, Inail, dogane, registri) dunque conosce tutte le  auto intestate, le case, i terreni, eventuali aerei e barche. Insomma qualcosa di veramente importante, ma non si ferma qui, il funzionamento di serpico è veramente imponente infatti scoverà le bollette e quanto altro, ovunque sia utilizzato il codice fiscale Serpico lo saprò.

L’Agenzia delle Entrate imposta gli algoritmi applicativi per concentrare la ricerca sulle categorie più a rischio.

Intanto però cosa buona sembra che comunque il contribuente fedele non può rischiare proprio nulla, Un pò come lo scorso redditometro. Se non sbagli e se non truffi o frodi Serpico ti lascerà in pace.


Tag

Related Articles

Un commento

  1. Bella iniziativa. Se funziona nel fermate le evasione ecc., l’obbiettivo finale dovrebb’essere quello di ridurre le tasse ai contribuenti fedeli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close