EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Jeune Afrique evidenzia “le derive mafiose e terroristiche” nei campi del Polisario a Tindouf in Algeria

islamisti

Venuti dai campi della regione algerina, Tindouf, sono sempre numerosi giovani saharawi a dare una mano ai “jihadisti” in Sahel (Mali).  “POLISARIO CONNECTION”: Inchiesta esclusiva della rivista panafricana “Jeune Afrique” in edicola in edizione doppia dal 28 ottobre al 10 novembre 2012.


Parigi, 30 ottobre 2012- Mentre un intervento militare internazionale nel nord del Mali si chiarisce, i giovani provenienti dai campi del Polisario a Tindouf sono più propensi a dare una mano forte a gruppi “jihadisti” in questa regione, relaziona “Jeune Afrique” nel suo ultimo numero, aggiungendo che “le derive mafiose e terroristiche” in questi campi hanno notevolmente facilitato questo clima d’instabilità.

“L’appello di aria arrivato dal nord del Mali agisce come una calamita su tutta una parte dei giovani Saharawi, quella che ha avuto dalla nascita solo le tendopoli di tessuto per qualsiasi orizzonte, l’indottrinamento per ogni scuola e Mohamed Abdelaziz per unico “lider maximo”, scrive il settimanale panafricano in una inchiesta esclusiva intitolata ” Polisario connexion “.

Questa gioventù laggiù, aggiunge, “nessun blocco, nessuna pattuglia, nessun campo minato potrà impedirgli di prendere il sentiero di Tombouctou.”

In piccoli distaccamenti di uomini da 40 a 60 uomini, fino a 300 volontari secondo i servizi di intelligence francesi sono ben arrivati nel mese di ottobre a Timbuctu e Gao, “in cui una buona parte, per non dire l’essenziale, secondo i testimoni, si esprimano in Hassaniya “, il dialetto arabo delle tribù saharawi, rileva la rivista.

Totalmente oscurata dai dirigenti del Polisario e dalle media algerine, “l’esistenza nei campi di attivisti che rivendicano salafiyya Jihadiya (o più recentemente di Ansar al-Sharia) non è un fenomeno recente” afferma la rivista, indicando che gli studenti saharawi hanno innaffiato questa da ideologia in contatto con i suoi seguaci, soprattutto nelle università algerine prima di prendere ceppo in alcuni luoghi di culto molto frequentati nei campi.

Per quanto riguarda la prima partecipazione conosciuta di salafiti radicali tra le fila del Polisario nel tentativo di un’operazione terroristica, risale al dicembre 2003, quando la polizia mauritana aveva arrestato a Nouadhibou, un ex combattente nelle file del Polisario per furto di esplosivi. Quest’ultimo riconosceva subito operare per conto del “Gruppo Salafita per la Predicazione e il Combattimento” (GSPC – Algerino), che divenne Al-Qaida nel Maghreb Islamico (AQMI) nel gennaio 2007.

Da allora, la rivelazione di numerose operazioni terroristiche o mafiose ha messo in luce l’implicazione di elementi provenienti dai campi di Tindouf e la collusione tra vicini della direzione del Polisario e gruppi terroristici, sottolinea il settimanale.

Il caso di “Hakim Ould Mbarek, figlio di un funzionario del polisario, illustra un altro aspetto di questa collaborazione: il traffico”, indica la rivista.

Arrestato in Mali nel novembre 2007 durante il tentativo di acquistare una grande quantità di acido nitrico, e poi estradato in Mauritania dove sta scontando una condanna di dieci anni di prigione, Ould Mbarek, dirottava nei campi stock dei farmaci, munizioni e pezzi di ricambio, e poi gli seppelliva in nascondigli individuati dal GPS, prima di vendergli ai “jihadisti”, secondo la pubblicazione.

Il 7 settembre 2009, quattro dirigenti del polisario, tra cui il vice comandante della regione militare Taleb Ami Deih vengono rapiti nel territorio algerino da una banda di Arabi Berabiche del nord del Mali e portati a Taoudenni prima di essere rilasciati alcuni giorni dopo il pagamento di un riscatto da parte della direzione separatista.

Nel dicembre 2010, un altro incidente si è verificato tra l’Esercito della Mauritania e una colonna di “trabendistes” saharawi. “Arrestati, questi ultimi citano il nome del loro sponsor, Mohamed Ould el Mhaidi, alias Rubio, barone regionale della droga, già  dirigente della regione militare del polisario e vicino al patrone dei servizi di sicurezza del fronte polisario, Mohamed Ould Laakik” sottolinea la stessa fonte.

“Nella notte del 22-23 ottobre 2011, infine, il colpo di esplosione, ma il colpo di grazia alla credibilità della sicurezza del polisario”, rileva la rivista, riferendosi al sequestro di due operatori umanitari spagnoli e una italiana dal campo Rabuni, a poche decine di metri dai locali del dirigente separatista.

Considerato come “l’atto fondatore del Mujao” ramo dissidente di AQMI che prevale oggi nella città di Gao, il rapimento è stato facilitato dal lavoro di una manciata di elementi scout nei campi, in cui i denominati Aghdafna Hamadi Ould Ahmed Baba et Mamina Ould Laghfin , pratico di Rabboni, questo ultimo finirà per essere arrestato dai servizi della Mauritania a Nouadhibou, il 5 dicembre 2011, aggiunge Jeune Afrique.

“Ancora un’altra volta, questa operazione terroristica a connotazione religiosa  ricopre una realtà sordida: un regolamento di conti tra trafficanti di droga”, sottolinea la pubblicazione.

Contributo di Yassine Belkassem

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com