Salute

Dr. Sircus: Il futuro della medicina è qui adesso

Il futuro della medicina non è quello che pensano la maggior parte dei medici o pazienti. In primo luogo, prima o poi i medici accetteranno nel riconoscere che avrebbero fatto meglio a smettere di avvelenare i loro pazienti e ad iniziare ad utilizzare sostituti dei prodotti farmaceutici tossici più sicuri, più efficaci. Il fatto che la maggior parte dei medici non sappiano nemmeno che esistono queste alternative ci pone seri dubbi di fronte alla loro capacità di fare a noi più del bene che del male.

Nei miei scritti non sono stato benevolo con l’industria farmaceutica o con i funzionari medici e sanitari negli USA, Europa e resto del mondo, che camminano di pari passo. Non sono affatto gentile con i medici che sanno e non fanno altro che quello che dicono loro di fare i funzionari sanitari e le commissioni mediche corrotte.

La medicina non è mai stata pensata per essere praticata da persone schiavizzate da un sistema centralizzato dall’autorità medica. E’ stato uno scherzo crudele del XX° secolo che ha visto l’avidità aziendale e la lussuria con il potere di determinare come le persone dovevano essere curate dalla culla alla tomba. Le persone peggiori e più disgustose che abbiano mai camminato sulla Terra hanno preso il controllo della salute umana. Hanno creato un inferno per il resto di noi partendo da un massiccio attacco ai bambini nel giorno della loro nascita.


Le più grandi e nuove scoperte mediche del secolo scorso sono state sepolte e represse, ciò ha compromesso centinaia di milioni di vite nel corso dei decenni e ha portato innumerevoli persone prematuramente alla tomba. Quello che i medici potrebbero fare è stato fatto da medici coraggiosi e altri professionisti sanitari che hanno studiato e fatto uso di ciò che la medicina tradizionale rifiuta perché il male rifiuta il bene e attacca il bene e gode anche delle sofferenze che crea agli altri. Questo è uno dei temi principali del famoso libro del Dr. Scott Peck, The Road Less Traveled (La strada meno frequentata).

Fonte: http://www.facebook.com/drsircus/posts/504830856207464

Tag

Alessandro Rasman

Alessandro Rasman, 49 anni, triestino. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico-economico presso l'Università di Trieste; è malato di sclerosi multipla, patologia gravemente invalidante, dal 2002. Per Mediterranews cura una speciale rubrica sulla sclerosi multipla.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Privacy Policy Cookie Policy