EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Francesco Rinaldelli, alpino colpito dal linfoma di Hodgkin, il caso, approda al Giudice del Lavoro

Francesco Rinaldelli, alpino colpito dal linfoma di Hodgkin approda al Giudice del LavoroMorti sospette nei militari e programma di vaccinazioni. Un nesso?

Militari morti, non in missione, nè in servizio ma morti per malattia. Casi che crescono e come abbiamo scritto qualche tempo fa, alcune di queste morti avrebbero a che fare con delle particolari campagne di vaccinazione.

Oggi il Messaggero riporta le parole di Andrea Rinaldelli, il papà di Francesco, l’alpino di Potenza Picena morto, nel 2008, a 24 anni, per un linfoma di Hodgkin così si legge: «In questi anni quando ho avuto momenti in cui mi abbattevo, c’era qualcuno che da lassù mi diceva Muoviti pa’ e questo faceva ripartire tutto. Alla verità su cosa è successo a mio figlio ormai ci sono arrivato e non mollerò».


Probabilmente ci sarebbe una connessione tra il programma di vaccinazioni e la morte del giovane. In questi giorni i genitori di Francesco Rinaldelli, Andrea Rinaldelli e  Roberta Ciccarelli hanno affrontato la prima udienza davanti al giudice del lavoro. Le aspettative dei genitori del militare le si apprendono sul Messaggero «Dall’udienza mi aspetto che si puntualizzi una responsabilità che il ministero della Salute ha nel non vigilare con attenzione sulle vaccinazioni ai soldati. Se questa attenzione ci fosse stata, Francesco oggi sarebbe con noi»

Francesco, ricordiamo non è mai stato all’estero in missione.Francesco Rinaldelli era stato arruolato  presso l‘8° reggimento Alpini Iulia il 17 febbraio 2004 ed, riporta un testo di una audizione del Senato, è rimasto   nella caserma di Civitale del Friuli per l’espletamento delle pratiche di arruolamento, tra le quali erano incluse le vaccinazioni, fino al 31 maggio 2004.Dopo, l’alpino viene  trasferito per la missione “Domino” presso il sito di Porta Marghera, con l’incarico di svolgere attività di sorveglianza nelle zone dismesse dello stabilimento petrolchimico. Dopo una permanenza di sei mesi anziché dei tre mesi previsti, il 1° novembre 2004, veniva posto in licenza di malattia per sospetto linfoma di Hodgkin, poi confermato.


About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com