EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Operazione Saggezza: dall’Americano di Platì ai presunti collegamenti con la Cosca Gambino

L’Operazione Saggezza continua a far parlare di sè.  Sembra infatti che  l’operazione di Polizia Saggezza, oltre a mettere in luce la particolare organizzazione sovracomunale denominata Corona  avrebbe permesso, scrive TeleReggio,l’acquisizione di nuovi rilevanti elementi conoscitivi riguardo l’inedita struttura associativa di ‘ndrangheta, la “Corona”, che altro non è che un’articolazione della più ampia associazione per delinquere dalle caratteristiche unitarie. Un organo, nel caso specifico, operante sul territorio di cinque locali della fascia jonica reggina (Ardore, Antonimina, Ciminà, Canolo e Cirella di Platì).

I 38 fermati però facevano parte dell’ndrangheta,a quanto sembra anche al di fuori dell’aria di competenza de La Corona, ed agivano sembra in contesti come Natile di Careri, Gerace, Platì e S. Luca, evidentemente in stretto contatto ed in rapporti di affari con gli esponenti di spicco dei cinque locali della Corona. “Ulteriore conferma dell’unitarietà e non della verticalità della ‘ndrangheta – sostiene Nicola Gratteri – in questo diversa da Cosa Nostra e dalla sua cupola”.

Secondo i magistrati il capo o meglio il Re sarebbe  Vincenzo Melia 83 enne nato a Platì, trasferitosi in America e rientrato in provincia di Reggio Calabria ad Ardore, solo dopo il 2000. Dalle intercettazioni poi sarebbe emerso un particolare accento americano ma è al vaglio degli inquirenti anche un ipotetico rapporto con entità mafiose attive in Canada ed Australia, e vincoli con la famiglia Gambino.

Melia sarebbe per altro stato uomo di spicco, secondo le intercettazioni già dal 1962 dove parla di “doti”“io non devo dare conto a nessuno! … – afferma con fare categorico Vincenzo Melia parlando con il braccio destro Nicola Romano – le ‘doti’ le libero solo quando sono in punto di morte” confessa adirato. (TeleReggio)

Secondo l’accusa, il Capo Corona avrebbe diretto e organizzato il sodalizio, assumendo le decisioni più rilevanti, impartendo le disposizioni o comminando sanzioni agli altri associati a lui subordinati, decidendo e partecipando ai riti di affiliazione, conferendo agli altri associati cariche e doti, curando i rapporti con le altri articolazioni dell’associazione, ponendo fine a contrasti interni ed esterni al sodalizio, gestendo in prima persona l’attività di esercizio abusivo del credito e l’attività usuraria e, notizia di ieri, mettendo lo zampino (sembra) anche sui lavori della Strada statale 106.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com