Salute

Scoperto il gene che determina l’ora della nostra morte

 Non potremo sapere la data della nostra morte ma un genotipo ci rivelerà a che ora lasceremo questa Terra.


Una ricerca del Beth Israel Deaconess Medical Center, pubblicata su Annals of Neurology,  con uno studio ha rilevato delle  varianti genetiche che incidono sulla quotidianità delle persone, ecco spiegato perchè ci sono persone che amano alzarsi sempre alla stessa ora della mattina e altre che invece preferiscono la vita notturna.  Ma non solo, siccome queste abitudini influenzano anche i nostri ritmi quotidiani, i ricercatori hanno potuto determinare la relazione tra determinati geni e l’ ora per la nostra dipartita.

Così spiega Andrew Lim che ha condotto la ricerca “L‘orologio biologico interno regola ogni aspetto della biologia umana e del nostro comportamento, come il picco delle performance cognitive oppure il tempo in cui si preferisce dormire. Questo influenza ancora il momento in cui si possono verificare eventi di salute acuti come ictus oppure un attacco cardiaco”.

La ricerca, durata 15 anni, è stata condotta su 1.200 persone oltre i 65 anni. Coloro che  possedevano il genotipo AA o AG lasciava il mondo terreno alle 11 del mattino, come la maggior parte della popolazione, mentre chi aveva il genotipo GG moriva mediamente poco prima delle 18.

 Gli studiosi hanno scoperto che un singolo nucleotide chiamato “Period 1” variava fra due gruppi di soggetti che avevano differenti comportamenti veglia-sonno. In quel particolare punto del genoma, il 60 per cento degli individui avevano l’adenina e il 40 per cento avevano la guanina. “Questo particolare genotipo influenza il pattern veglia-sonno di praticamente ogni individuo: le persone che hanno il genotipo AA tendono a svegliarsi presto la mattina, esattamente l’opposto di quelle che hanno il genotipo GG”, ha spiegato lo studioso James Putnam. Mentre un altro studioso ha così commentato “Adesso abbiamo un gene che predice il momento del giorno in cui una persona muore. Fortunatamente non il giorno”.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close