EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sigarette Anche il cervello può “andare in fumo”

Nuovi studi dimostrano quanto, per la nostra salute, sia veramente dannoso fumare.


Se già sapevamo quanto le sigarette contribuiscono a creare problemi al cuore e alla circolazione, un nuovo studio dimostra che le “bionde” nuocciono alle cellule del nostro cervello, danneggiando la nostra memoria e le nostre capacità logiche e di apprendimento.

A denunciare il collegamento tra il vizio delle sigarette e infarto, ictus e declino cognitivo fino alla demenza o all’Alzheimer, è una ricerca del King’s College di Londra.  I ricercatori inglesi hanno studiato un campione di 8.800 persone over 50 , raccogliendo così una serie di dati sulle condizioni di salute e sullo stile di vita dei pazienti, sottoponendoli a diversi test cognitivi. Proprio in questi ultimi, i fumatori hanno registrato punteggi più bassi .

Il campione è stato  testato di nuovo a distanza di quattro e otto anni. I risultati sono sorprendenti e dimostrano che tra malattie cardiovascolari – spesso provocate o aggravate dalle sigarette – e patologie cognitive esiste una stretta correlazione.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com