Italia

Tratta di esseri umani dalla Nigeria per spaccio e prostituzione Arresti e denunce in tutta Italia

Avevano messo insieme una vera e propria banda criminale sfruttando la “quota” fissa di loro connazionali da inviare in Europa mediante i flussi migratori dalla Nigeria, ma una volta arrivati in Italia li avviavano alle attività criminali per farsi rimborsare. Questa l’associazione a delinquere composta da nigeriani sul traffico internazionale di esseri umani tra Nigeria e Italia. L’Operazione Caronte della Guardia di Finanza della Spezia si è conclusa con l’arresto di ventidue persone e 54 denunce in tutta Italia, tra Torino, Milano, Verona, Reggio Emilia, La Spezia, Crotone e Salerno.

 Secondo gli inquirenti negli ultimi tre anni almeno 10mila persone sarebbero state fatte entrare clandestinamente in Europa, attraverso rischiosi viaggi , attraverso il deserto del Niger e della Libia e successivamente ammassati in veri e propri centri di raccolta e poi imbarcate alla volta di Lampedusa. Da qui venivano destinati ai centri di accoglienza di Puglia, Molise, Campania, Calabria e Sicilia. Era poi compito di nigeriani gia’ domiciliati, legalmente o meno, nel territorio nazionale ad organizzarne la fuga per poi assegnarli alle dipendenze degli sfruttatori in attivita’ illecite: prostituzione, spaccio di stupefacenti e altri reati.

Alle donne nigeriane veniva promesso un posto di lavoro in Italia, ma appena arrivate veniva imposto di darsi alla prostituzione.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close