RubricheUn mare di ricette

Il Carnevale attraverso i dolci regionali: is origliettas sarde

is origliettas

 

 

 

 

Ogni regione italiana prepara, in occasione delle varie festività dei piatti speciali; questo accade anche per il Carnevale. In Sardegna, oltre alla molto famose zeppole, in sardo chiamate zippolas, vengono preparate le “origliette”. Un dolce buono e bello da vedere che è presente sia nelle zone più interne dell’Isola che nella Gallura. Le origliette, proprio come le zippole e sas cattas sono i dolci più rappresentativi del Carnevale sardo.

 L’impasto delle “origliette” è a base di semola, uova e strutto e, dopo la frittura, vengono immerse nel miele tiepido; questa è una particolarità presente anche in altri dolci sardi, come le seadas.

Ingredienti:

300 grammi di semola grossa

60 grammi di strutto

2 uova

Per la frittura:

strutto o olio extra vergine d’oliva

miele

Mettiamo la semola in una ciotola ed uniamo lo strutto e il pizzico di sale; aggiungiamo le uova e amalgamiamo. L’impasto deve risultare sodo e non appiccicoso. infariniamo la spianatoia e, con un mattarello, stendiamo la sfoglia piuttosto sottile. Con la rotella dentata ritagliamo delle strisce che dovrebbero essere larghe circa 2 centimetri. Prendiamo in mano,con delicatezza le strisce e avvolgiamole su sè stesse creando una forma rotondeggiante.  A questo primo fiore, uniamo un’altra striscia, pressando bene sui bordi in modo che il dolce non si apra durante la cottura.

Scaldiamo lo strutto oppure l’olio d’oliva e friggiamo le origliette, fino a vederle dorate. Scoliamole, passiamole nella carta assorbente e sciogliamo, a bagnomaria il miele. Ricopriamole di miele e serviamo.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close