EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

“La farfalla” Pavel Freedman

“La farfalla” Pavel FreedmanLa Farfalla

L’ultima, proprio l’ultima,
di un giallo così intenso, così
assolutamente giallo,
come una lacrima di sole quando cade
sopra una roccia bianca
così gialla, così gialla!
L’ultima
volava in alto leggera,
aleggiava sicura
per baciare il suo ultimo mondo.
Tra qualche giorno
sarà già la mia settima settimana
di ghetto: i miei mi hanno ritrovato qui
e qui mi chiamano i fiori di ruta
e il bianco candeliere del castagno
nel cortile.
Ma qui non ho visto nessuna farfalla.
Quella dell’altra volta fu l’ultima:
le farfalle non vivono nel ghetto.

Pavel Freedman (1921 – 1944) fu uno dei quindicimila bambini rinchiusi nel campo di Auschwitz dove ha trovato la morte. Il ricordo dell’ultima farfalla vista fuori dal ghetto è il simbolo della perduta libertà e l’infanzia negata.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com