EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

La notte e il giorno della Befana nei paesi d’Europa

La Befana, la vecchietta che, a cavallo di una scopa, porta doni ai bambini, è da sempre legata alla storia dei Re Magi. La notte tra il 5 e il 6 gennaio, in diversi Paesi europei, i bambini festeggiano l’Epifania secondo le tradizioni locali.

In Spagna, il giorno precedente l’Epifania, i bimbi mettono davanti alla porta una ciotola d’ acqua per i cammelli assetati dei Re Magi e anche qualcosa da mangiare. Poi, al mattino del 6 gennaio, si svegliano presto e corrono a vedere se i Re Magi hanno lasciato loro dei regali.
In questa giornata in molte città spagnole si tiene il corteo con i Re Magi che sfilano per le vie cittadine su dei carri riccamente decorati.

In Francia, nel giorno dell’Epifania, oltre alla gioia dei bambini di trovare le calze appese al camino con dolci e piccoli regali, sulle tavole imbandite è usanza servire un dolce speciale, all’ interno del quale si nasconde una fava. Chi la trova diventa per quel giorno il re o la regina della festa.

In Russia, a differenza del Natale cattolico che si celebra il 25 dicembre, per la chiesa ortodossa la natività si celebra il 6 gennaio. Secondo la leggenda i regali vengono portati da Nonno Gelo accompagnato dalla fanciulla di neve, a bordo di una slitta trainata da una pariglia di cavalli.

L’Epifania, in Germania, è il giorno della venuta dei Re Magi. Nei paesi i bambini si vestono come i Re Magi, vanno da casa in casa, con un bastone sormontato da una stella e, cantando canzoni sacre o recitando poesie, ricevono in cambio dei dolci o un po’ di soldi.

In Islanda, il  6 gennaio viene chiamato il tredicesimo, perchè da Natale fino a questa data trascorrono 13 giorni ed è l’ultimo giorno delle festività natalizie. La sera inizia con una fiaccolata, alla quale partecipano, oltre a Babbo Natale, anche il re e la regina degli elfi. Alla fine della fiaccolata, si accende un falò, seguito da uno spettacolo pirotecnico.

Anche in Romania, la festa dell’ Epifania rappresenta la venuta dei Re Magi ed è un giorno di festa. In alcuni paesi, i bambini vanno lungo le strade e bussano alle porte per chiedere se possono entrare per raccontare delle storie o recitare poesie, ricevendo come compenso qualche spicciolo o qualche dolcetto, mentre i parroci vanno di casa in casa per dare la benedizione alle famiglie.

 

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com