Italia

Redditest redditometro operativo dal 1 marzo

soldi2 (2)La paura fa novanta fra meno di 30 giorni al via il Redditest, Serpico continua la sua indagine ed il Redditometro fa paura ai più. Ma è proprio vero che deve terrorizzare tutti?

Innanzitutto non è un controllo a tappeto ma solo 35mila persone saranno controllati, tra l’altro, cosa che non tutti sanno il sistema è retroattivo al 2009.

In realtà il redditometro controllerà il reddito a partire dal 2009, in questo modo le ’Agenzia delle Entrate potranno osservare meglio entrate ed uscite di ogni singolo contribuente valutando se esistono incronguità fra spese effettuate e reddito dichiarato.

Se ci sarà qualche incongruenza, sarà il contribuente a dover motivare le differenze accertate dal Fisco


Il procedimento di controllo dovrebbe osservare anche la differenza della contribuzione secondo le aree geografiche e quindi Nord-Ovest, Nord-Est, Centro, Sud o Isole.

Non solo le spese sotto l’occhio del Redditesta ma anche la cifra complessiva del reddito dichiarato. I dati saranno incrociati e se l’incompatibilità sarà superiore al 20% allora il Fisco esigerà spiegazioni.

Sembra però si possa dimostrare l’errore materiale e dunque è necessario ricordarsi di conservare più pezze dimostrative da presentare come documenti di prova,  se è possibile è utile dimostrare  di aver acquisito un bene grazie al risparmio di anni o grazie ad un pagamento fatto da un’altra persona.


Se le dimostrazioni sono corrette e convincono il Fisco, nessun problema, accertamento ritirato, in caso contrario invece il contribuente dovrà versare il 30% della maggior somma dovuta.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close