Italia

Francesco Nangano: chi lo ha ucciso? Nuova guerra di mafia a Palermo?

Francesco Nangano foto dal web
Francesco Nangano foto dal web

Palermo, perchè spaventa l’omicidio di Francesco Nangano?


E’ in corso una nuova guerra di mafia?

Ancora non è dato sapere ma la preoccupazione è alta specie se ci si ricorda l’allarme lanciato dalla DIA.

Negli ultimi mesi sono stati scarcerati  ben 23 presunti uomini di spicco di Cosa Nostra e a breve ne verranno liberati altri.

Nuovo incubo a Palermo?

L’omicidio di via Messina Marina sembra essere di stampo mafioso ed allora la paura inizia ad insinuarsi in città.

Nei mesi scorsi sono tornati in libertà  Pietro Tagliavia e Giovanni Asciutto. Tagliavia e Asciutto erano, per gli inquirenti, personaggi di rilievo a Brancaccio, poi, sono stati liberati anche il medico Giuseppe Guttadauro, l’ex primario del Civico che si incontrava con l’allora assessore Mimmo Miceli, è tornato in libertà, ora pero Miceli vivrebbe a Roma.


Nangano non era uno qualsiasi, conosciutissimo venditore d’auto e sopratutto amante della bella vita. Cosa è successo? Sia per caso una specie di resa dei conti?  Dietro c’è la droga, il pizzo?
Il professionista non sta più a Palermo, ma a Roma. Adesso dopo il delitto del venditore di auto che amava la bella vita, tutto viene passato al setaccio.
Le indagini sull’omicidio Nangano coordinate dai pm Gaetano Paci e Francesca Mazzocco punterebbero su un’azione dimostrativa per punire chi provava a imporre il pizzo e controllare il traffico di droga.

Nangano probabilmente non rispettava delle norme imposte dai nuovi capi mandamento di Brancaccio.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close