Magia e Misteri

L’abdicazione di papa Benedetto XVI nella profezia di Anna Katharina Emmerick

 L'abdicazione di papa Benedetto XVI nella profezia di Anna Katharina EmmerickLa notizia dell’abdicazione di papa Benedetto XVI non poteva che sconvolgere l’opinione pubblica. E’ un avvenimento che, al di là delle giustificazioni “ufficiali”, evoca nell’opinione pubblica un senso di disorientamento e di sconcerto. Una decisione che, qualunque siano le reali ragioni che l’hanno originata, rischia di essere foriera di gravissima confusione per il mondo cattolico.

 D’altra parte se guardiamo la storia delle profezie sulla vita della Chiesa, spesso ritorna questo momento di confusione e tensione. Pensiamo a Nostradamus, Malachia o al monaco Nero. Tra le tante vogliamo riportare la previsione di Caterina Emmerich, proprio “Sulla futura crisi della Chiesa cattolica”


 Di Caterina Emmerich  si dice che sapesse distinguere gli oggetti sacri da quelli profani, che potesse leggere nel pensiero delle persone e che avesse visioni di fatti che avvenivano nel mondo: vide per esempio dettagli della rivoluzione francese. Previde la caduta di Napoleone, dodici anni prima che avvenisse. Le sue esperienze mistiche erano spesso accompagnate da fenomeni di levitazione e bilocazione.Leggiamo insieme come Caterina Emmerich prevede proprio l’abdicazione di papa Benedetto XVI

Vedo il Santo Padre in grande angoscia. Egli vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici a lui vicini. Temo che il Santo Padre soffrirà molte altre prove prima di morire. Vedo che la falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi, e vedo la tremenda influenza che essa ha sulla gente. Il Santo Padre e la Chiesa sono veramente in una così grande afflizione che bisognerebbe implorare Dio giorno e notte”. (10 agosto 1820)

“La scorsa notte sono stata condotta a Roma dove il Santo Padre, immerso nel suo dolore, è ancora nascosto per evitare le incombenze pericolose. Egli è molto debole ed esausto per i dolori, le preoccupazioni e le preghiere. Ora può fidarsi solo di poche persone; è principalmente per questa ragione che deve nascondersi. Ma ha ancora con sé un anziano sacerdote di grande semplicità e devozione. Egli è suo amico, e per la sua semplicità non pensavano valesse la pena toglierlo di mezzo.

Ma quest’uomo riceve molte grazie da Dio. Vede e si rende conto di molte cose che riferisce fedelmente al Santo Padre. Mi veniva chiesto di informarlo, mentre stava pregando, sui traditori e gli operatori di iniquità che facevano parte delle alte gerarchie dei servi che vivevano accanto a lui, così che egli potesse avvedersene”.

“Non so in che modo la scorsa notte sono stata portata a Roma, ma mi sono trovata vicino alla chiesa di Santa Maria Maggiore, e ho visto tanta povera gente che era molto afflitta e preoccupata perché il Papa non si vedeva da nessuna parte, e anche per via dell’inquietudine e delle voci allarmanti in città.

La gente sembrava non aspettarsi che le porte della chiesa si aprissero; essi volevano solo pregare fuori. Una spinta interiore li aveva condotti là. Ma io mi trovavo nella chiesa e aprii le porte. Essi entrarono, sorpresi e spaventati perché le porte si erano aperte. Mi sembrò che fossi dietro la porta e che loro non potessero vedermi. Non c’era alcun ufficio aperto nella chiesa, ma le lampade del Santuario erano accese. La gente pregava tranquillamente.

Poi vidi un’apparizione della Madre di Dio, che disse che la tribolazione sarebbe stata molto grande. Aggiunse che queste persone devono pregare ferventemente… Devono pregare soprattutto perché la chiesa delle tenebre abbandoni Roma”. (25 agosto 1820)

La monaca agostiniana tedesca Anna Katharina Emmerick, (1774-1824) nominata beata della Chiesa cattolica, è L'abdicazione di papa Benedetto XVI nella profezia di Anna Katharina Emmerick divenuta nota per le sue doti di veggente. In una delle visioni che le si attribuiscono avrebbe visto Maria di Nazaret che all’età di quattordici anni si sposava con Giuseppe. Le sue visioni più conosciute sono quelle relative alla Passione di Gesù, ricchissime di dettagli non riportati dai Vangeli, ma perfettamente coincidenti con i particolari “inediti”

Se si recava in un cimitero, di fronte alle tombe percepiva luce o tenebre a seconda che l’anima di quel defunto si trovasse in Paradiso o all’Inferno: di fronte ad alcune tombe provava gioia e percepiva una forte luce, di fronte ad altre invece provava forte tristezza.

Alcuni archeologi austriaci, tra il 1898 e il 1899, presero sul serio le visioni della monaca agostiniana e, tracciando una mappa topografica basata sulle sue indicazioni, riportarono alla luce, a 9 km da Efeso, alcuni resti (mura perimentrali e focolare) di una casa che attribuirono al I secolo d.C. e che identificarono proprio come l’antica abitazione nella quale la Vergine Maria e Giovanni Evangelista vissero dopo la morte di Gesù. Il sito si chiama oggi Meryem Ana.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close