Società

Oristano: in Provincia la Giornata del Ricordo, il 10 febbraio

Oristano: in Provincia la Giornata del Ricordo Il 10 febbraio ricorre il Giorno del Ricordo, in memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata in Italia. Con la legge n. 92 del 30 marzo 2004 la Repubblica riconosce questa data al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe.

L’assessore provinciale alla Pubblica Istruzione e Cultura, Serafino Corrias, ha inviato una lettera a tutte le scuole primarie e secondarie della provincia di Oristano, invitandole a prevedere iniziative e momenti di riflessione e dibattito tra gli studenti, volte a diffondere la conoscenza dei tragici eventi che costrinsero centinaia di migliaia di italiani, abitanti dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia, a lasciare le loro case, vittime delle persecuzioni, dei massacri e delle deportazioni durante l’ultima fase della seconda guerra mondiale e negli anni immediatamente successivi.


“Sono certo che anche questa ricorrenza – è l’auspicio dell’assessore Corrias – alla pari della Giornata della Memoria dello scorso 27 gennaio, potrà rappresentare per i giovani delle scuole di ogni ordine e grado un’occasione di studio e di approfondimento per le vicende, fra le più tristi, della storia di una parte della popolazione italiana”.

“Ci tengo a comunicare che per venerdì 8 febbraio alle ore 10, su iniziativa del Presidente del Consiglio Mauro Solinas e dei Capigruppo Consiliari, è stato convocato il Consiglio Provinciale di Oristano per la celebrazione istituzionale del Giorno del Ricordo, alla presenza di una rappresentanza studentesca”.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close