Italia

Oristano: lunedì 18 febbraio manifestazione in difesa dei presidi ospedalieri Mastino (Bosa) Delogu (Ghilarza)

ospedaleI Sindaci dei Comuni di Bosa e Ghilarza insieme alle rappresentanze dei Consigli Comunali, supportarti dai comitati spontanei per la difesa dei presidi ospedalieri Mastino e Delogu, organizzano una manifestazione di protesta il giorno 18 febbraio alle ore 10, sotto la
sede della ASL n° 5 di Oristano in via Carducci, 35.

Insieme alle forze sindacali e ad una rappresentanza di lavoratori impiegati presso le due strutture ospedaliere, vogliono inviare un segnale forte di protesta sia all’Assessorato Regionale alla Sanità che al Direttore Generale della ASL oristanese.

Alla Regione chiedono risposte, mai pervenute, sulla richiesta di modifica della Delibera della Giunta con la quale i Pronto Soccorso di Bosa e Ghilarza venivano declassati a Punti di Primo Intervento. Sempre alla Regione si chiede la modifica delle linee guida
sui tagli dei posti letto nei presidi ospedalieri della Sardegna, inserendo il limite di intervento per gli ospedali al di sotto dei 70
posti letto, poiché se ulteriormente ridotti si sancirebbe la definitiva scomparsa di tali presidi.

La proposta avanzata invece dalle Amministrazioni Comunali è tesa a richiedere maggiori investimenti per ridurre la bassa percentuale di utilizzo degli stessi posti letto. Al Direttore Generale si chiede la modifica dell’Atto Aziendale che contiene non solo il declassamento dei due Pronto Soccorso, ma anche la sproporzionata riduzione di posti letto che passerebbero da oltre 60 ai
previsti 28, con un taglio maggiore al 50% , per poi dirottarne ben 50 al presidio Ospedaliero San Martino di Oristano. Si respinge con forza quindi la programmazione predisposta dal manager, invitandolo al mantenimento dei servizi storici erogati dai due Ospedali, prevedendo il potenziamento per dare risposte alle necessita sempre crescenti dei cittadini oristanesi.


Tali richieste possono facilmente essere accolte utilizzando le risorse appena garantite dal riequilibrio della quota capitaria da tanti anni negata alla provincia di Oristano. Lo stesso riequilibrio prevede per l’anno in corso maggiori trasferimenti per 19 milioni di euro, che sommati ai 9 milioni integrati l’anno scorso, garantiranno maggiori risorse per ben 28 milioni di euro annui per tutta la sanità della Provincia.

nota pervenuta a firma Stefano Licheri, sindaco di Ghilarza

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close