Economia

Rivoluzione civile no a contrapposizione con il lavoro

rivoluzione_civile_ingroia“La lista ‘Rivoluzione Civile – Ingroia’ considera la salvaguardia dell’ambiente, della salute dei cittadini e la creazione di lavoro fattori fondamentali per un nuovo modello di sviluppo della Sardegna. La green-economy, in tutte le sue varianti, l’energia pulita e rinnovabile, segnano il futuro della nostra regione. Puntare molto sul turismo culturale smettendola con la logica distruttiva delle doppie case deve permettere di vivere la Sardegna tutto l’anno, creando così filiere di economia stabile. Gli impianti industriali esistenti come quello della Saras, con la raffineria di Sarroch, devono proseguire negli investimenti in modo da rendere definitivamente compatibili l’attività industriale con la salvaguardia dell’ambiente, la salute e la difesa dei posti di lavoro, che sono un bene prezioso in questa fase di crisi. Per queste ragioni, pur apprezzando gli sforzi ed i capitali investiti in questi anni per ridurre l’inquinamento ed aumentare la sicurezza, è necessario allargare il tavolo tecnico garantendone l’indipendenza, al fine di monitorare aria, acqua e suolo. Rivoluzione Civile ritiene fondamentale utilizzare la tecnologia avanzata per salvaguardare il territorio e i posti di lavoro in una regione che deve tutto alla capacità dei suoi abitanti e alla propria cultura e bellezza. Non contrapponiamo ambiente e lavoro: facciamo sì che nasca un’alleanza tra chi investe e il territorio, anche per impedire la fuga dalla Sardegna dei giovani in cerca di occupazione”. Lo rende noto un comunicato di Rivoluzione Civile.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close