Italia

Vigile urbano di Venezia timbra il cartellino e va a giocare a calcetto

cartellino presenzeTimbrava il cartellino dell’entrata in servizio e poi usciva per andare a giocare a calcetto .

Un vigile urbano del Comune di Venezia è stato rinviato a giudizio per truffa aggravata perché accusato di aver giocato a calcetto, con i colleghi, in più occasioni, mentre risultava in servizio. Nel processo contro il dipendente il Comune di Venezia si è costituito parte civile contro il proprio dipendente.


Secondo l’inchiesta, il vigile, un vice commissario, sarebbe arrivato  timbrare il cartellino d’ingresso al lavoro e poi, senza chiedere alcuna autorizzazione , si recava a giocare a calcetto nelle partite organizzate dal gruppo sportivo della polizia municipale. Il vigile urbano avrebbe anche chiesto il cambio dei turni di servizio per farli coincidere con gli ‘impegni’ sportivi.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close