Scienze e Tecnologia

Curiosity Su Marte condizioni favorevoli alla vita

CuriosityUn luogo abitabile su Marte, dove sussistevano le condizioni favorevoli all’esistenza di microbi, esistenti sulla Terra, di sopravvivere.

L’analisi di un campione di roccia raccolto da Curiosity su Marte mostra un luogo che potrebbe essere il letto di un fiume o di un lago, che anticamente avrebbe potuto sostenere microbi viventi.

Lo dimostrano le analisi del primo campione di roccia marziana che il rover della Nasa Curiosity ha prelevato con il suo speciale trapano. Nel campione di roccia esaminato da Curiosity, la Nasa ha identificato zolfo, azoto, idrogeno, ossigeno, fosforo e carbonio, alcuni degli ingredienti chimici fondamentali per la vita. La polvere deriva da una roccia sedimentaria vicino a un antico letto di torrente nel cratere Gale.  Gli ingredienti chimici trovati e la mancanza di caratteristiche estreme avrebbero potuto permettere a diversi microbi oggi viventi sulla Terra di sopravvivere e procurarsi l’energia necessaria per proliferare.


I dati indicano che l’area che il rover sta esplorando, la Yellowknife Bay, è stata un tempo un antico fiume o un letto di un lago, che avrebbero potuto fornire l’energia chimica e altre condizioni favorevoli alla presenza di microbi. La roccia è costituita da una grana fine e contiene minerali argillosi, solfato e altre sostanze chimiche. Questo antico ambiente umido, a differenza di alcuni altri su Marte, non era altamente ossidante, acido o estremamente salato.

I ricercatori della Nasa sono rimasti sorpresi nel trovare all’interno del campione una miscela di sostanze chimiche ossidate, meno ossidate, e anche non ossidate che forniscono delle differenze di energia (gradienti) che, per esempio sulla Terra molti microbi sfruttano per vivere.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close