Scienze e Tecnologia

Valsesia: il mistero dei cinghiali con residui di Cesio 137

radiologiPiemonte è allarme cinghiali radioattivi. Dei cinghiali con tracce di cesio 137, sarebbero state scoperte in dei cinghiali che abitano nei boschi della Valsesia. 

A seguito dell’inquietante scoperta ai cinghiali è stata fata una analisi della lingua e del diaframma. Su 27 campioni analizzati si legge sul Corriere è stato trovato un livello di Cesio 137 è risultato superiore allo soglia indicata dal Regolamento 733 del 2008 come limite tollerabile in caso di incidente nucleare. Secondo l’assessore all’ambiente della Regione Piemonte Roberto Ravello occorre evitare gli allarmismi perché i rischi per la salute sarebbero «contenuti e controllabili».


Intanto il cesio sarebbe rilasciato da siti nucleari, per ipotesi i potrebbe trattare di residui dell’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl del 1986 oppure resti legati a  Trino Vercellese smantellata nel 1987 senza dimenticare il  sito sperimentale dell’Enea, a Saluggia.  Ma i ricercatori non escludono nemmeno i possibili rifiuti tossici.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close